INGENIO » INGENIO n.46 » Giovani Ingegneri e Lavoro: uno sguardo sulla realtà astigiana
Giovani Ingegneri e Lavoro: uno sguardo sulla realtà astigiana
26/09/2016

Calo di iscrizioni all’Ordine di Asti: gli ingegneri si interrogano
#ideeinrete – Rubrica a cura del Network Giovani Ingegneri
A cura della commissione giovani ingegneri di Asti
#lavoro #territorio #liberaprofessione #lavorodipendente


Ogni anno il Centro Studi CNI propone sondaggi e redige articoli che permettono di osservare i cambiamenti relativi alla situazione lavorativa degli ingegneri italiani e l’andamento delle iscrizioni agli Ordini Provinciali delle varie regioni d’Italia.
In uno di questi studi (http://cache.b.centrostudicni.it/images/pubblicazioni/ricerche/Iscritti2016_LR_c68ae.pdf), emerge che, nel 2016, c’è stato un aumento di iscrizioni agli Ordini degli Ingegneri, sia per la Sezione A che per la Sezione B (iuniores), con il conseguente aumento degli iscritti di età inferiore ai 35 anni e della componente femminile.
Osservando i vari dati messi a disposizione, noi della Commissione Giovani dell’Ordine Ingegneri di Asti, abbiamo notato che per il nostro albo vi è stata, invece, una diminuzione degli iscritti pari a circa l’1%.
Questo dato, assieme alla percezione che la maggior parte di ingegneri astigiani lavorano fuori provincia, ci ha spinto a chiederci da cosa può dipendere il calo di iscrizioni in un ordine che conta meno di 600 iscritti ed a capire quanti ingegneri operano sul territorio provinciale al quale fa capo il proprio albo di iscrizione.
Per trovare una risposta abbiamo sviluppato un questionario, compilabile online in forma anonima (https://1drv.ms/xs/s!AqABLxA5bQzkkkARk4js3s_PfaSP), con domande di carattere generali sull’attività svolta, sedi operative, residenza, ecc. nonché quesiti per capire quanti, tra gli iscritti, partecipano alle attività organizzate dall’Ordine e se sono a conoscenza del fatto che l’albo è un punto di riferimento in caso di necessità e che propone l’opportunità di entrare a far parte non solo dei consigli, a seguito di elezioni, ma anche e soprattutto delle commissioni, che sono elementi fondamentali per riuscire a cooperare insieme a livello regionale e nazionale.
Il questionario è stato inoltrato a tutti i 513 ingegneri iscritti all’Ordine di Asti, dato aggiornato al 9 Giugno 2016, di cui 497 facenti parte della Sezione A ed i restanti 16 (3%) alla sezione B (vedi Grafico 1). Sentita la segreteria ci è stato detto che, rispetto al 2015, il numero di iscritti è calato a causa di pensionamenti e richieste di spostamenti ad ordini di altre province.

Grafico 1: Iscrizioni all'Ordine degli Ingegneri di Asti

Le risposte pervenute sono state 31 totali, corrispondenti solamente al 6% degli iscritti all’Ordine Ingegneri di Asti, con un’età media di 34 anni. Questo ci ha fatto pensare che gli ingegneri Under 35, se motivati, sono propensi a fornire le loro opinioni, dare la loro disponibilità e mettersi attivamente in gioco per far notare il valore di un ingegnere.Continuando ad analizzare sia dati ricavabili dal sito dell’Ordine che le risposte ottenute con il sondaggio abbiamo evidenziato che il settore con il maggior numero di iscritti è quello civile ed ambientale per quanto riguarda la Sezione A, in linea con quanto emerge dalle indagini condotte dal Centro Studi CNI, considerando, inoltre, che il 72% degli iscritti è iscritto a tutti e tre i settori (vedi Grafico 2). Per quanto concerne la Sezione B il 50% degli iscritti fa parte del settore industriale con un 44% facente parte del settore civile ed ambientale (vedi Grafico 3).

  

Grafico 2: Iscrizione nei vari settori dell'Ordine degli Ingegneri di Asti - Sezione A

 

Grafico 3: Iscrizioni nei vari settori dell'Ordine degli Ingegneri di Asti - Sezione B

 

CONTINUA LA LETTURA SUL PDF

 

 

 

Articolo letto: 1210 volte
Eventi in Primo Piano
Dagli Ordini
STACEC
Seguici su Facebook
Seguici su Twitter
Scarica L'APP di Ingenio