INGENIO » Elenco Eventi » SAIE ACADEMY: 21 CORSI IN TRE AREE, OLTRE 50 DOCENTI, RILASCIO DEI CREDITI FORMATIVI
SAIE ACADEMY: 21 CORSI IN TRE AREE, OLTRE 50 DOCENTI, RILASCIO DEI CREDITI FORMATIVI
Sede: SAIE BOLOGNA - Data: 14/10/2015 - 17/10/2015

Formarsi per rimanere competitivi
SAIE ACADEMY: LA SCUOLA PER I PROFESSIONISTI DELL’INNOVAZIONE IN EDILIZIA
21 CORSI IN TRE AREE, OLTRE 50 DOCENTI, RILASCIO DEI CREDITI FORMATIVI

LINK al SITO: www.eventi.saie.bolognafiere.it/saie-academy/4527.html

Dopo il successo della prima edizione, torna la SAIE ACADEMY, il luogo di eccellenza per il focus su innovazioni scientifiche e tecnologiche nel mondo dell’edilizia: 21 corsi di alta formazione con più di 50 docenti coinvolti - con rilascio di crediti formativi - realizzati in collaborazione con i Consigli Nazionali delle Professioni e le Università italiane, distribuiti in 3 aree tematiche: Nuovi strumenti progettuali per una casa sicura ed efficiente; Riqualificazione funzionale, prestazionale ed energetica degli edifici; Recupero e consolidamento strutturale degli edifici.

La digitalizzazione dei processi dell’edilizia e il BIM, il potenziamento delle reti di interconnessione, la ricerca sul 3D non solo in ambito virtuale, l’introduzione dell’uso dei droni e i nuovi strumenti di interfaccia, la riqualificazione degli edifici secondo il nuovo concetto di “funzione sociale”, il miglioramento strutturale delle case nel rispetto della nuova normativa sismica: sono questi solo alcuni dei tanti temi sui quali la si realizzerà l’alta formazione dell’ACADEMY nei giorni del Salone.

“La diffusione dell’innovazione tecnica è nel DNA di Saie, che da oltre 50 anni mostra e racconta gli elementi chiave dell’evoluzione dell’edilizia e delle costruzioni in genere. – spiega il Prof. Marco Savoia, Direttore scientifico dell’Academy - L’innovazione infatti, per poter diventare motore della crescita, deve radicarsi nella società, diffondersi capillarmente, diventare aperta e distribuita, incarnarsi in un nuovo modello che stimoli la partecipazione di tutti gli attori: istituzioni, committenti, imprese, cittadini e ovviamente i professionisti”.

Il programma si rivolge all’intero mondo di chi esercita la professione - progettisti, direzioni lavori, addetti al computo metrico, collaudatori - e vuole offrire supporto anche sul piano dello sviluppo commerciale della propria attività.

“La crisi dell’edilizia si racconta anche con un solo unico dato: in 6 anni si è passati da 450.000 a 60.000 permessi di costruire annui. – commenta l’Ing. Andrea Dari, Direttore tecnico dell’Academy - Se paragoniamo questi numeri con il numero di professionisti che operano nel settore delle costruzioni (circa 420.000) possiamo osservare che siamo arrivati a una media di circa 7 professionisti per ogni permesso di costruire. Se poi si fa un’analisi di quali siano gli ambiti a cui questi permessi sono rivolti ci accorgiamo che spesso si tratta di interventi di ristrutturazione. E’ questo il dato su cui abbiamo costruito il programma di SAIE ACADEMY 2015: realizzare un servizio utile per il mondo articolato di chi esercita la professione che potesse fare da supporto anche sul piano dello sviluppo commerciale della propria attività”

L’ACADEMY, nel padiglione 26, nasce con l’obiettivo di diventare una vera e propria scuola dell’innovazione tecnica, grazie anche al contributo dei Consigli Nazionali delle Professioni e la collaborazione delle Università italiane.

Per accedere ai corsi, a numero chiuso, è necessario iscriversi sul sito.

Il calendario delle lezioni ospita nomi di spicco nel panorama nazionale come, tra gli altri, Marco Gaiani, Ordinario di Disegno presso il Dipartimento di Architettura dell’Università di Bologna; Marcello Balzani, Professore Associato presso il Dipartimento di Architettura dell’Università di Ferrara; Franco Braga, Professore di Costruzioni in zona sismica presso il Dipartimento di Ingegneria Strutturale e Geotecnica dell’Università degli Studi di Roma “Sapienza”; Gaetano Manfredi, Rettore dell’Università di Napoli


Federico II; Antonio Borri, Professore Ordinario nel settore ICAR08 di scienza delle Costruzioni presso il Dipartimento di Ingegneria dell’Università degli Studi di Perugia.

Tre percorsi tematici con all’interno vari contributi di professionisti.

Nuovi strumenti progettuali per una casa sicura ed efficiente
La digitalizzazione dei processi dell’edilizia e il BIM, il potenziamento delle reti di interconnessione, la ricerca sul 3D non solo in ambito virtuale, l’introduzione dell’uso dei droni e nuovi strumenti di interfaccia sono alcune delle novità che stanno radicalmente cambiando i paradigmi della progettazione e della costruzione. I corsi affrontano queste tematiche e si soffermano sul progetto preliminare quale elemento fondamentale poiché fornisce le indicazioni economiche che permettono di decidere se procedere con un'opera o meno, in che modo impostare un bando di gara e definire le basi per una futura organizzazione del cantiere. La crescente attenzione della committenza pubblica e privata al controllo dei costi, la digitalizzazione dei bandi di gara, l’esigenza di coniugare tecnologie sempre più avanzate e problematiche trasversali (sicurezza, ambiente, reperibilità e professionalità della manodopera …) rendono particolarmente importante la fase di realizzazione del progetto preliminare, della corretta computazione dei costi e dell’identificazione delle risorse necessarie per l’organizzazione e la realizzazione del lavoro.

Riqualificazione funzionale, prestazionale ed energetica degli edifici
Affronta il tema della funzionalità degli edifici e della loro vivibilità. L’orizzonte che il professionista ha di fronte a sé non è più l’edificio che sta progettando ma l’uomo che lo abita perciò, alla parola riqualificazione occorre abbinare non solo due termini tecnici, la sicurezza e l’energia, ma anche uno sociale, la funzione. Il “nuovo” edificio deve soprattutto essere funzionale, deve integrarsi con i nuovi stili di vita, con le nuove esigenze e saper utilizzare al meglio le nuove tecnologie. In quest’area tematica si approfondiranno dunque i protocolli, le problematiche di rigenerazione complesse, gli interventi nelle scuole e negli edifici storici, il problema del silenzio e l’uso del verde.

Recupero e consolidamento strutturale degli edifici
Nasce da una riflessione: ad oggi solo il 4,5% degli edifici sono stati costruiti dopo il 2001, ossia nel rispetto di una moderna normativa sismica e nei prossimi 10 anni, nelle città italiane, l’80% delle abitazioni saranno strutture costruite da oltre 40 anni. Il tema del miglioramento strutturale degli edifici è di fatto un’esigenza imprescindibile e non rimandabile, tuttavia in un contesto immobiliare così variabile come quello italiano, con centri storici costituiti da edifici aggregati, con una presenza di immobili vincolati senza pari in altri paesi e con un’ampia presenza di strutture la cui documentazione progettuale non è rintracciabile, diventa fondamentale il ruolo del professionista e la sua conoscenza tecnica e culturale dell’argomento.

Torna alla Lista Eventi »
Eventi in Primo Piano
Dagli Ordini
Isotex blocchi e solai in legno cemento
Seguici su Facebook
Seguici su Twitter
Scarica L'APP di Ingenio