INGENIO » Elenco News » Adeguamento Sismico di un edificio in muratura: gli interventi - I parte
Adeguamento Sismico di un edificio in muratura: gli interventi - I parte
del 10/11/2017

Nei mesi di maggio e giugno 2012 la regione emiliana è stata oggetto di ripetute scosse sismiche. Il cuore della pianura padana, compreso tra le provincie di Reggio Emilia, Modena, Ferrara e Mantova veniva devastato da uno sciame sismico culminante con i terremoti del 20 e 29 maggio 2012, con magnitudo nella scala Richter pari rispettivamente a M 5.1 e M 5.9. Gli eventi sismici provocarono la perdita di vite umane ed ingenti danni al patrimonio costruito. La vita e l’economia della regione emiliana, caratterizzata da un forte tessuto industriale, venne messa a dura prova: da un lato le famiglie private della propria casa e dall’altro l’impossibilità di far ripartire la produzione industriale nei capannoni, costruiti in epoche in cui la regione non era considerata a rischio sismico e pertanto privi di presidi sismici.

L’articolo descrive un intervento di recupero di un edificio residenziale in muratura gravemente danneggiato dal sisma.
L'edificio in esame è ubicato nel comune di Novi di Modena, località Rovereto sulla Secchia, in zona residenziale costituita da villette a 2-3 piani con struttura in muratura che a seguito del sisma hanno palesato le criticità strutturali unite a gravi difetti costruttivi.
L’edificio in questione, con 3 piani più sottotetto, ha una struttura portante a base di pareti, realizzate con blocchi di laterizio semipieni ad alta percentuale di foratura (dell’ordine del 50%)  assemblati con malta cementizia di buone caratteristiche meccaniche, solai in latero-cemento ai vari piani con esclusione del sottotetto per la presenza di un solaio a base di putrelle e tavelloni. 
Nonostante il buon comportamento sismico delle strutture in muratura, l’edificio oggetto di studio  ha subito danni gravi imputabili alla combinazione di due aspetti fondamentali:
1. Costruzione realizzata in epoca in cui la zona non era considerata a rischio sismico, trascurando quindi la valutazione della risposta ad azioni orizzontali e di conseguenza l’inserimento di presidi antisismici;
2. Carenze strutturali e presenza di direzione fragile per insufficienza di pareti nella direzione stessa.
L’intervento presentato mostra il recupero con adeguamento sismico dell’edificio in muratura e rappresenta non solo un esempio tipico di rinforzo con tecniche tradizionali, ma, ad intervento ultimato, anche una di quelle strutture la cui presenza è auspicabile in zona sismica, per la sua potenzialmente elevata capacità dissipativa in campo plastico.
Nell’articolo si descrive il progetto di adeguamento sismico atto a conseguire i livelli di sicurezza previsti dalle norme attuali e si mostrano i risultati ottenuti con analisi pushover per diverse direzioni di scansione. L’analisi multidirezionale evidenzia le direzioni critiche (capacità< domanda) e i potenziali meccanismi fragili (meccanismo di piano).
La modellazione è stata eseguita con Por 2000, il software di progettazione ed analisi strutturale per edifici in muratura ordinaria e armata (nuove ed esistenti), che consente la verifica sismica, con analisi lineari e non lineari (pushover).
 
 
Video correlato >
 
 
 
 
 
  
 
 
VUOI PROVARE POR 2000?
 
Notizia letta: 1959 volte
di NEWSOFT
Torna alla Lista News »
Eventi in Primo Piano
Dagli Ordini
Edilmatic soluzioni antisismiche per la prefabbricazione
Seguici su Facebook
Seguici su Twitter
Scarica L'APP di Ingenio