INGENIO » Elenco News » Indagini antisismiche nelle scuole: in arrivo altri 100 miloni
Indagini antisismiche nelle scuole: in arrivo altri 100 miloni
del 23/02/2017

Il Ministro dell'Istruzione Fedeli, nell'ultima audizione in Parlamento, ha annunciato che saranno stanziati 100 milioni per il finanzieranno delle analisi su edifici scolastici ricadenti nelle zone di rischio sismico 1 e 2

Per le indagini di vulnerabilità sismica delle scuole situate in zone 1 e 2 (ad alta pericolosità) saranno stanziati, dal Governo, 100 milioni di euro. Lo ha riferito in audizione presso le commissioni Cultura riunite il ministro dell'Istruzione Fedeli, specificando che il MIUR ha già predisposto, a tal fine, un emendamento in sede di conversione in legge del Terzo Decreto Terremoto (decreto-legge 8/2017). Obiettivo finale: l'adeguamento di tutte le scuole italiane ricadenti in zona 1 e 2.

Un'altra novità di rilievo è la proroga al 30 marzo 2017 per il bando "Scuole Sicure".

La situazione
Attualmente, come evidenziato dal ministro Fedeli, sono circa 2.900 gli edifici scolastici italiani in zona 1 e 14 mila in zona 2. Va detto che quello della vulnerabilità sismica delle scuole è un problema che riguarda anche gli istituti non ricadenti nelle zone 'rosse', poiché risulta largamente inattuato, ad oggi, il piano nazionale a partire dal 2009 con una dote di circa un miliardo di euro.

Il resto lo hanno 'fatto' i recenti terremoti, che hanno peggiorato la situazione: i comuni hanno sottolineato, proprio durante la stessa audizione, che il servizio di vulnerabilità sismica rientra tra le spese correnti e quindi non può essere oggetto di accensione di mutuo, anche eventualmente tramite Cassa Depositi e Prestiti, come per gli altri "investimenti".
 

Notizia letta: 3923 volte
News Collegate
Torna alla Lista News »
Eventi in Primo Piano
Dagli Ordini
Tecnopiemonte
Seguici su Facebook
Seguici su Twitter
Scarica L'APP di Ingenio