INGENIO » Elenco News » Linee guida classificazione sismica e Sismabonus: la guida completa del CNI
Linee guida classificazione sismica e Sismabonus: la guida completa del CNI
del 28/03/2017

Linee guida classificazione sismica e Sismabonus: la circolare del CNI è una sorta di vademecum per gli Ingegneri sugli interventi e le competenze dei professionisti. Dentro, anche la proposta al CSLLPP di raccogliere almeno un esempio di classificazione proveniente da ciascun ordine, riferito a casi concretamente studiati da professionisti

Dopo il decreto sul Sismabonus, le linee guida, le polemiche per le competenze professionali, il Correttivo Sismabonus e le ulteriori polemiche, arriva anche la guida completa del Consiglio Nazionale degli Ingegneri, che in una circolare (la n.31 del 24 marzo) inserisce le specifiche principali sulle linee guida per la classificazione sismica degli edifici e propone, contestualmente, al CSLLPP di raccogliere un esempio almeno di classificazione proveniente da ciascuno degli ordini 'ammessi alle valutazioni', riferito a casi concreti. Si tratta, in altri termini, di applicare, ex post, le linee guida per valutarne gli aspetti squisitamente tecnici e numerici.

Per l'occasione, il CNI nella circolare n.30 informa dell'imminente convegno nazionale dal titolo (provvisorio) "Linee Guida per la Classificazione Sismica Degli Edifici, dalla Normativa all'intervento", che si terrà il prossimo 11 aprile a Salerno (Teatro Augusteo). Il convegno riconoscerà 6 crediti formativi a tutti gli ingegneri iscritti che potranno seguire l'evento anche in streaming, presso le sedi stabilite dagli Ordini, dal sito www.tuttoingegnere.it.

La guida alle linee guida
Di fatto, la circolare n.31 chiarisce alcuni aspetti relativi al "nuovo mercato" delle indagini antisismiche, anticipando peraltro che prossimamente il CNI elaborerà alcune simulazioni che costituiranno una guida pratica a supporto degli Ingegneri.

Ci si focalizza sul nuovo modello "a 4 passaggi", ovverosia:

  1. classificazione dell'edificio nello stato attuale in una certa classe di rischio;
  2. progetto degli interventi strutturali;
  3. classificazione dell'edificio dopo gli interventi progettati;
  4. asseverazione del passaggio, attraverso gli interventi progettati, ad una classe di rischio più bassa.

Riguardo al punto 4, l'asseverazione viene ribadita dal Direttore dei Lavori, a valle della esecuzione degli interventi progettati e, quando previsto dal d.lgs. 380/2001, dal collaudatore statico. Il cuore del provvedimento, quindi, è il progetto strutturale e la figura chiave è il progettista delle strutture. "Questo aspetto, fortemente voluto dal Consiglio Nazionale, ha rimesso così al centro il progetto ed ha evitato la creazione di nuove figure come il 'verificatore della sicurezza, che pure alcuni richiedevano, e, con essa, il possibile ripetersi delle negative esperienze in tema di attestazione energetica", sottolinea la circolare.

Ci si sofferma, ovviamente, anche sul Correttivo che ha 'allargato' l'area delle valutazioni a tutti i professionisti, geometri e periti tecnici compresi, e non solo ad architetti ed ingegneri. Il CNI, dopo aver ribadito che si tratta di "un'occasione persa nella strada virtuosa di un corretto rapporto tra formazione, competenza e responsabilità", sostiene che "la ripetizione di un vecchio protocollo generico, basato su regole datate, pur esistenti, 'ciascuno secondo le proprie competenze', mal si adatta ad una situazione nuova che parla il linguaggio della riduzione del rischio e della complessità della sicurezza sismica che, al di là della tipologia di costruzione, non può mai essere armonica con le categorie del "modesto", normalmente riferite alle competenze di tecnici diplomati".

In altre parole, secondo il CNI l’obiettivo di aumentare la sicurezza sismica è incompatibile con le competenze di soggetti che non siano architetti o ingegneri. E il tema delle modeste costruzioni, che delimita la competenza dei geometri e per il quale i geometri chiesero a gran voce il Correttivo, non si collega in nessun modo a quello della prevenzione dei danni da terremoti.

Notizia letta: 9538 volte
News Collegate
Torna alla Lista News »
Eventi in Primo Piano
Dagli Ordini
Isotex blocchi e solai in legno cemento
Seguici su Facebook
Seguici su Twitter
Scarica L'APP di Ingenio