INGENIO » Elenco News » Blumatica Antincendio: la soluzione per la valutazione del rischio incendio e la redazione del PEE
Blumatica Antincendio: la soluzione per la valutazione del rischio incendio e la redazione del PEE
del 18/04/2017

Il nuovo codice di prevenzione incendi: struttura ed obiettivi del D.M. 03/08/2015

La prevenzione incendi è la funzione di preminente interesse pubblico volta a garantire la sicurezza della vita umana, l’incolumità delle persone e la tutela dei beni e dell’ambiente attraverso la promozione, lo studio, la predisposizione e la sperimentazione di norme, misure, provvedimenti, accorgimenti e modi di azione intesi ad evitare l’insorgenza di un incendio e degli eventi ad esso comunque connessi o a limitarne le conseguenze.
 
La prevenzione incendi si applica, con articolazioni diverse:
  •  nei luoghi di lavoro, secondo quanto disposto dal D. Lgs. 09/04/2008, n. 81
  • nelle attività soggette ai controlli di prevenzione incendi da parte dei VV.F., elencate nell’allegato I al DPR 01/08/201 n. 151.
Il 20 Agosto è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale il D.M. 03/08/2015 “norme tecniche di prevenzione incendi ai sensi dell'art. 15 del D.Lgs. 8 Marzo 2006, n. 139” entrato in vigore il 18 Novembre 2015.
 
L’intento è quello di conseguire obiettivi di semplificazione e razionalizzazione dell’attuale corpo normativo relativo alla prevenzione incendi attraverso l'introduzione di un unico codice in luogo dei numerosi regolamenti esistenti.
 
Il Testo Unico di Prevenzione Incendi è costituito da cinque articoli: 
  • Art.1 – Approvazione e modalità applicative delle norme tecniche di prevenzione incendi
  • Art.2 – Campo di applicazione
  • Art.3 – Impiego dei prodotti per uso antincendio
  • Art.4 – Monitoraggio
  • Art.5 – Disposizioni finali 
e da un Allegato che individua le "Norme tecniche di prevenzione incendi", composto da 4 sezioni: 
  • Sezione G – Generalità
  • Sezione S – Strategia antincendio
  • Sezione V – Regole tecniche verticali
  • Sezione M – Metodi
Il codice si applica in genere ad attività soggette non normate ma può essere utilizzato come riferimento per attività non soggette ai controlli di prevenzione incendi.
Una novità è l’applicazione del codice ad attività sia nuove che esistenti senza distinzione a differenza dell’approccio precedente per cui le regole contemplano prescrizioni meno gravose per attività esistenti.
 
Il decreto prevede un regime transitorio al fine di consentire una graduale applicazione delle nuove disposizioni: le norme tecniche di prevenzione incendi di cui al D.M. 03/08/2015, infatti, si possono applicare in alternativa alle specifiche disposizioni di prevenzione incendi che restano comunque in vigore (D.M. 10/03/98, D.M. 09/03/2007, ecc.).
 
In tema di prevenzione incendi nasce Blumatica Antincendio, la soluzione che consente di effettuare la valutazione analitica del rischio incendio e la relativa gestione ai sensi del D. Lgs. 81/08, del D.M. 10 Marzo 1998, del D.M. 9 Marzo 2007 e del D.M. 03/08/2015.
 
Nello specifico è possibile elaborare il documento di valutazione del rischio incendio attraverso:
  • l’identificazione delle attività lavorative ai sensi del DPR 151/2011
  • il censimento di materiali e sostanze pericolose e/o infiammabili, delle attrezzature pericolose, di eventuali sorgenti di innesco nonché dei lavoratori e di altre persone particolarmente esposte al rischio (diversamente abili, ecc.)
  • le misure necessarie per l’eliminazione o la riduzione dei pericoli e la valutazione del rischio residuo d’incendio
  • il calcolo dettagliato del carico d’incendio specifico e specifico di progetto
  • la determinazione della classe dell’edificio
  • la valutazione dell’adeguatezza delle misure di sicurezza con particolare attenzione a: misure tese alla riduzione della probabilità di insorgenza degli incendi, vie di esodo, rivelatori ed allarmi di incendio, impianti di estinzione incendi.
Sulla base dell’esito della valutazione del rischio d’incendio è indispensabile elaborare il Piano di Emergenza mediante il quale vengono pianificate le operazioni da compiere in caso di emergenza (incendi, infortuni, fughe di gas, fuoriuscite di sostanze pericolose o qualsiasi altro evento calamitoso che determina la necessità di abbandonare la struttura).
Blumatica Antincendio offre la possibilità di elaborare un dettagliato Piano di Emergenza ed Evacuazione anche mediante l’integrazione del modulo CAD per l’importazione degli elementi caratteristici e degli apprestamenti.
Clicca qui per ulteriori dettagli

 

Notizia letta: 3508 volte
di BLUMATICA
Torna alla Lista News »
Eventi in Primo Piano
Dagli Ordini
Basic sunballast
Seguici su Facebook
Seguici su Twitter
Scarica L'APP di Ingenio