In Gazzetta Ufficiale il Decreto legge SEMPLIFICAZIONI

30/06/2014 2781

Confermato l’incentivo del 2% alla progettazione per i dipendenti pubblici, l'adozione di modelli standard in edilizia e soppressa l’Autorità di Vigilanza sui contratti pubblici. Pubblicato in Gazzetta Ufficiale, dopo un’attesa di oltre una settimana, il DL 90/2014 per la semplificazione e la trasparenza amministrativa.

Secondo le indiscrezioni circolate dopo il Consiglio dei Ministri di venerdì 13 giugno, l’incentivo del 2%, riconosciuto ai progettisti interni alla Pubblica Amministrazione, doveva essere completamente abolito. La versione definitiva del decreto, invece, spiega che l’incentivo non sarà più riconosciuto solo ai dipendenti pubblici con qualifica dirigenziale. Tutti gli altri progettisti interni continueranno ad usufruire del bonus.

All’articolo 92 del decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163, dopo il comma 6 è aggiunto il seguente: “6-bis. In ragione della onnicomprensività del relativo trattamento economico, al personale con qualifica dirigenziale non possono essere corrisposte somme in base alle disposizioni di cui ai commi 5 e 6.”.

Confermata anche l’adozione dei modelli standard, validi su tutto il territorio nazionale, per la presentazione della Segnalazione certificata di inizio attività (SCIA) e la richiesta del permesso di costruire.

Soppressa l’Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici.
A partire dal 25 giugno tutte le sue funzioni passano all’Autorità nazionale anticorruzione e per la valutazione e la trasparenza (ANAC). All’ANAC dovranno essere trasmesse tutte le varianti in corso d’opera, insieme al progetto esecutivo, all’atto di validazione e ad una relazione del responsabile del procedimento, entro 30 giorni dall’approvazione da parte della Stazione Appaltante.

Per approfondimenti leggi i seguenti articoli: 

• SEMPLIFICAZIONE: In arrivo i moduli unificati per SCIA e PdC
• P.A, Edilizia: CNAPPC, “persa l’occasione per il rilancio e la semplificazione del settore”