Il terremoto di Napa campanello d’allarme per centinaia di edifici soft-story a San Francisco

26/08/2014 2894

Il San Francisco’s Department of Building Inspection spera che il terremoto Napa sarà un campanello d'allarme per i proprietari di 2.000 edifici con concezione strutturale a telaio con “piano debole” (soft story) che non sono stati ancora sottoposti a screening per la sicurezza sismica. La deadline per lo screening nella città di S. Francisco è il 15 settembre.

San Francisco ha una stima di 6.000 edifici soft story. Questi includono appartamenti costruiti su tettoie, garage o spazio aperto-commerciale.

Il direttore del Dipartimento of Building Inspection, Tom Hui, ha detto che finchè questi edifici non saranno stati rafforzati, non potranno essere considerati sicuri. "Nel terremoto dell'89 di Loma Prieta abbiamo visto un sacco di edifici crollare al primo piano", ha detto.

L'anno scorso, il sindaco Ed Lee ha firmato una legge che richiede ai proprietari di edifici soft story di sottoporre a controllo le loro proprietà tramite un ingegnere o architetto e poi di presentare un rapporto alla città.

Finora solo 4.000 si sono adeguati alla richiesta ma Hui è ancora in attesa degli altri 2.000. La città imporrà sanzioni a coloro che non rispettano le indicazioni e delle insegne saranno affisse sui loro edifici dicendo che non sono antisismici.