Le novità nel settore del software. A colloquio con STACEC

Quali sono le novità che verranno presentate nei prossimi mesi?
È prevista a breve l’uscita del nuovo ambiente operativo che renderà uniforme l’interfaccia su tutti i nostri software, con notevole vantaggio per gli utenti. Da diversi anni il nostro staff informatico è impegnato nello sviluppo di questo progetto su cui la nostra Azienda ha investito nella convinzione di offrire strumenti software sempre più funzionali ed al passo coi tempi, in linea con la nostra politica da sempre adottata. La nuova piattaforma, infatti, aumenterà sensibilmente le potenzialità dei programmi, offrendo diverse possibilità di gestione dei dati, come ad esempio la scelta dell’input per oggetti o per geometrie con la conseguente possibilità di gestire la struttura sia tridimensionalmente che in pianta o su un piano.
È prevista, inoltre, la distribuzione dei nostri pacchetti - che già da ora prevedono l’utilizzo degli Eurocodici - in versione multilingua in modo da favorire la nostra espansione sul mercato europeo e mondiale.

Su quali temi state lavorando con maggiore attenzione?
Il consolidamento ed il recupero del patrimonio edilizio: siamo stati tra i primi a sviluppare specifici moduli software per l’analisi e la verifica delle strutture esistenti, consapevoli dell’esigenza sempre più incalzante di mettere in sicurezza gli edifici (soprattutto l’edilizia pubblica ed in particolare quella scolastica) dal punto di vista antisismico o più semplicemente per la ristrutturazione di edifici sia in muratura che in c.a. che richiedono efficaci interventi mirati. Da questo nostro impegno sono scaturiti innovativi moduli per la verifica delle strutture in conseguenza di interventi di consolidamento in elevazione, in fondazione o consolidamenti di solai, con possibilità di scelta tra numerosi strumenti per l’intervento, sia per i casi di adeguamento sismico che per il miglioramento, con strumenti pensati appositamente per la quantificazione dell’entità del miglioramento stesso.
Constatiamo favorevolmente che gli ultimi provvedimenti legislativi vanno verso questa direzione e, quindi, si auspicano imminenti ed efficaci azioni per favorire la messa in sicurezza degli edifici sia pubblici che privati con finanziamenti ed agevolazioni. Ne scaturirebbe il doppio vantaggio della sicurezza ed il notevole beneficio eventualmente apportato dal punto di vista ambientale con il risparmio di territorio edificato.

Come vi ponete nei confronti dei nuovi strumenti ICT, come cloud, tablet, ecc.?
La nostra nuova piattaforma – sviluppata con strumenti altamente innovativi e moderni – è predisposta per l’utilizzo anche sui nuovi strumenti ICT, anche se al momento, per quanto riguarda il software per il calcolo strutturale, non si avverte l’impellente esigenza di utilizzo in mobilità da parte degli utenti, proprio per la sua specificità e complessità.

Come vi state organizzando per coniugare l’uso del software con i crediti formativi?
Per quanto ci riguarda, abbiamo sempre considerato la formazione un elemento fondamentale, fornendo gratuitamente questo servizio, consapevoli dell’importanza dell’aggiornamento costante dei tecnici sia dal punto di vista normativo che strumentale. E’ un servizio che abbiamo sempre fornito e che continueremo a fornire, indipendentemente dai crediti formativi.
In tal modo, però, spesso ci si sostituisce agli organi preposti alla formazione dei professionisti, senza avere un adeguato riconoscimento. Sarebbe quindi auspicabile una maggiore sensibilizzazione delle Istituzioni in modo da affermare ufficialmente l’attività formativa delle software house e favorire la collaborazione con gli Ordini Professionali - con cui si dovrebbero incoraggiare maggiori sinergie - attraverso una opportuna regolamentazione delle procedure per il rilascio dei crediti formativi.
La nostra Azienda, nell’attesa dei nuovi approcci auspicati, ha comunque inoltrato la documentazione per l’ottenimento delle autorizzazioni per il rilascio dei crediti. Parallelamente, l’AIST, Associazione Italiana Software Tecnico di cui la nostra Azienda è socio fondatore, si sta impegnando con proposte concrete presso il Ministero LL.PP. e le Commissioni di competenza.