RPT: il GOVERNO SI ACCANISCE contro i PROFESSIONISTI

16/10/2014 1738

La Rete delle Professioni Tecniche ha chiesto l’immediato ritiro di un emendamento al Decreto Sblocca Italia che punta ad aprire alle società di ingegneria anche il mercato dei bandi privati. Una prospettiva che taglierebbe le gambe alle Società tra Professionisti, costrette ad operare, a differenza delle altre, con numerosi vincoli. Il Coordinatore della Rete delle Professioni Tecniche: “Le società di ingegneria hanno espulso i professionisti dai bandi pubblici, accaparrandosi il 93% del mercato. Con questo emendamento accadrebbe lo stesso nei bandi privati. Decisione deleteria che va assolutamente rivista”.

La Rete delle Professioni Tecniche denuncia l’ennesimo tentativo di colpire i professionisti italiani. Si fa riferimento all’emendamento 17.196 al decreto “Sblocca Italia” (AC 2629), proposto dal Governo in Commissione Ambiente, che punta ad espellere i liberi professionisti, e soprattutto i giovani professionisti, anche dal mercato della committenza privata.

La legge 183 del 12.11.2011 consente oggi a tutti i professionisti di svolgere la propria attività in forma societaria, anche di capitale, sia in ambito pubblico che privato. Il Decreto del Ministero della Giustizia n.34 dell’8 febbraio 20013 regolamenta la costituzione delle Società Tra Professionisti (STP). Va ricordato che per assumere la qualifica di STP occorre rispettare alcune precise condizioni, tra le quali: l'esercizio in via esclusiva dell'attività professionale da parte dei soci; l'ammissione in qualità di soci dei soli professionisti iscritti ad ordini, con il limite alla partecipazione al capitale dei soci non professionisti fino ad un massimo di un terzo sui diritti di voto; l’esecuzione dell'incarico professionale conferito alla società deve esser eseguito solo dai soci in possesso dei requisiti per l'esercizio della prestazione professionale richiesta; l’obbligo di iscrizione della STP all’Ordine per garantirne il controllo deontologico.

Al tempo stesso è rimasto immutato il regime delle “società di ingegneria”, introdotte nel nostro ordinamento dalla legge 109/1994 e disciplinate oggi dall’articolo 90, comma 2, lettera b) del dlgs 163/ 2006 e dall’art. 254 del dpr 207/2010. Queste possono essere in forma di società di capitali e di società cooperative. Devono disporre di almeno un direttore tecnico ma non hanno alcun obbligo in termini di presenza dei professionisti nel capitale, di iscrizione agli albi professionali (come le nuove STP) e non devono garantire la personalità della prestazione. Tali peculiarità si giustificano perché le società di ingegneria sono abilitate ad operare esclusivamente nel settore dei lavori pubblici.

All’inizio dell’esame in Commissione VIII Ambiente è stato presentato, a firma dell’On. Bonomo, salvo poi essere ritirato, un emendamento che avrebbe consentito alle Società di Ingegneria di operare anche nel settore privato, sanando i contratti illegittimamente stipulati con privati fin dal 1997. Ieri, 14 ottobre, è stato nuovamente presentato dal Governo un emendamento che, di fatto, presenta i medesimi contenuti.

L’approvazione di norma del genere di fatto affosserebbe le Società Tra Professionisti che si troverebbero da operare nel medesimo mercato con le società di ingegneria, disponendo però di tutta una serie di vincoli e di paletti posti dal legislatore a tutela della committenza.

Le società di ingegneria – afferma Armando Zambrano, Coordinatore della RPT – hanno letteralmente espulso i singoli professionisti dal mercato dei bandi pubblici; nel terzo trimestre 2014, le società di ingegneria si sono accaparrate il 93% degli importi dei bandi di progettazione. Se si consentisse loro di operare anche nel settore privato, i professionisti subirebbero identica sorte anche in questo ambito”.

I giovani professionisti – aggiunge Freyrie – Presidente dell’Consiglio Nazionale degli Architetti, Pianificatori, Paesaggistici e conservatori – attualmente stanno puntando molto sulle STP per cercare di inserirsi in un mercato dei servizi professionali fortemente competitivo. Se verranno affondate con questo emendamento, sarà la fine di ogni speranza per i giovani professionisti tecnici che saranno definitivamente estromessi da un mercato appannaggio di poche società privilegiate”.

Si tratta – conclude Sisti – Segretario della Rete delle Professioni Tecniche e Presidente del Consiglio Nazionale dei Dottori Agronomi e dei Dottori Forestali – di una decisione deleteria che va assolutamente rivista. Chiediamo, pertanto, che in sede di esame in Commissione si intervenga ritirando o respingendo questo emendamento”.

Il Magazine

Sfoglia l'ultimo numero della rivista Ingenio

Newsletter Ingeio

Seguici su