SBLOCCA ITALIA: finalmente in Gazzetta Ufficiale

Dopo l’approvazione definitiva della scorsa settimana da parte del Senato, a pochissimi giorni dalla decadenza del provvedimento, approda finalmente in Gazzetta Ufficiale il testo del Decreto convertito in legge.

Sul Supplemento Ordinario n. 85 alla Gazzetta Ufficiale n. 262 dell’11 novembre 2014 è infatti stata pubblicata la legge 11 novembre 2014, n. 164, di conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 12 settembre 2014, n. 133, recante misure urgenti per l’apertura dei cantieri, la realizzazione delle opere pubbliche, la digitalizzazione del Paese, la semplificazione burocratica, l’emergenza del dissesto idrogeologico e per la ripresa delle attività produttive (c.d. Decreto Sblocca Italia).

Contestualmente è stato pubblicato il testo del decreto-legge 12 settembre 2014, n. 133 (in Gazzetta Ufficiale n. 212 del 12 settembre 2014), coordinato con la suddetta legge di conversione 11 novembre 2014, n. 164.
Il testo coordinato è stato redatto dal Ministero della giustizia al solo fine di facilitare la lettura sia delle disposizioni del decreto-legge, integrate con le modifiche apportate dalla legge di conversione, che di quelle richiamate nel decreto, trascritte nelle note. Restano invariati il valore e l’efficacia dei singoli atti legislativi.

Da oggi quindi entrano in vigore tutte le norme contenute nella legge di conversione del decreto che, che nato per “Sbloccare l’Italia”, speriamo possa realmente stimolare il quadro economico italiano, fortemente in difficolta e rimettere in moto il comparto dell’edilizia tra i più sofferenti dell’economia italiana.

Il percorso non si conclude comunque con la pubblicazione del provvedimento.
Per farsi che il decreto entri nella realtà economica del Paese sarà necessario farlo seguire da un lungo elenco di provvedimenti attuativi.
35 sono infatti i decreti o gli atti di altra natura, che, nascosti nei 346 commi, dovranno essere predisposti per rendere attuative le varie misure.

PER APPROFONDIRE LE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI EDILIZIA VAI ALL’ARTICOLO