3° convegno GRUPPO ITALIANO SEWC: METODI AVANZATI DI CALCOLO PER STRUTTURE COMPLESSE

13/11/2013 637

Nella progettazione delle strutture complesse occorre, a partire da un corretto predimensionamento, saper definire con esattezza i valori delle azioni sulle strutture nella loro variazione temporale e spaziale. Per strutture complesse si intendono le strutture di grandi dimensioni, come edifici alti, ponti di grandi luci, strutture in acciaio di varia forma.In queste tipologie di strutture si ritrovano tematiche comuni: problemi di diffusione degli sforzi sia di grande scala (come, per esempio, nelle platee di fondazione di notevole altezza in cui lo sviluppo del calore di idratazione del legante deve essere controllato nel tempo), sia di piccola scala (la diffusione delle tensioni nei nodi delle strutture reticolari spaziali).Sempre più di maggiore interesse è l'argomento relativo allo studio di vulnerabilità di edifici di grande importanza storica, dove la complessità delle geometria si unisce alla difficoltà di simulazione del comportamento dei complessi murari. L’incontro che il SEWC ITALIAN GROUP vuole proporre è dunque una riflessione a largo spettro su tematiche apparentemente distanti tra di loro ma aventi come fattor comune l’utilizzo dei moderni metodi di analisi delle strutture. Molti sono ormai i programmi di calcolo che da anni affiancano il progettista nel suo lavoro quotidiano. I temi che una volta erano di ricerca e riservati più al mondo accademico, sono argomenti sempre più di interesse per una cospicua parte degli ingegneri strutturisti. le strutture complesse possono essere ben affrontate con gli strumenti attuali di calcolo, a patto di essere adeguatamente preparati ed abili nella verifica di affidabilità dei risultati che si ottengono. "

Per maggiori informazioni scarica il Programma del Convegno

 

Il Magazine

Sfoglia l'ultimo numero della rivista Ingenio

Newsletter Ingeio

Seguici su