CATANIA, PRESENTATO PREMIO QUADRANTI D'ARCHITETTURA

QUADRANTI D’ARCHITETTURA 2015: UN PONTE CULTURALE CON L’EUROPA
L’evento, che si svolgerà l’1 e il 2 agosto a Pedara, vedrà coinvolti diversi Paesi europei e punterà i riflettori sulla tutela dei centri storici in Sicilia con un convegno dedicato
 
Internazionalizzazione e approfondimento delle tematiche sociali. Questi i punti cardine della V edizione del Premio “Quadranti d’Architettura - Evento culturale e promozionale dell’identità artistica contemporanea”, presentato lo scorso 29 giugno, presso la sede dell’Ordine degli Architetti di Catania. Tra le novità della manifestazione,organizzatadal Comune di Pedara e dall'Associazione Spazi Contemporanei in collaborazione con gli Ordini di Architetti e Ingegneri (in programma l’1 e il 2 agosto a Pedara) numerose iniziative collaterali e un vero e proprio ponte con l’Europa rappresentato dal coinvolgimento di Paesi come Spagna, Portogallo e Germania, per creare un filo conduttore tra studi italiani ed esteri.
 
«Siamo felici che il Premio Quadranti riparta dopo quattro anni, in onore dell’impegno e della passione del collega scomparso Gaetano Pappalardo, ideatore dell’iniziativa – hanno affermato i vice presidenti dell’Ordine etneo Alessandro Amaro e Salvo Fiorito – si tratta di un’occasione importante per gli architetti e i professionisti che avranno la possibilità di mostrare le proprie capacità. Un momento culturale e formativo per mettere in luce criticità e potenzialità del territorio pedemontano».
 
A sottolineare l’importanza della manifestazione, il presidente dell’Ordine degli Ingegneri Santi Maria Cascone: «È fondamentale promuovere i temi legati all’architettura contemporanea. Siamo certi che la V edizione del Premio sarà un grande successo. Attraverso momenti formativi come questo, è possibile ottenere eccellenti risultati e dare voce ai giovani professionisti, che spesso non hanno opportunità per far emergere il proprio talento».
Oltre al Premio e al workshop “Abitare la città contemporanea. Pedara come laboratorio per i centri etnei, in programma dal 25 luglio al 1 agosto, numerose le attività collaterali che caratterizzeranno questa edizione, come sottolineato dal membro del Comitato tecnico scientifico e socio dell’Associazione Spazi Contemporanei,  Eleonora Bonanno:«C’è tempo fino all’8 luglio per presentare le domande di partecipazione al workshop – momento di confronto e condivisione - mentre coloro che vorranno concorrere al Premio, potranno elaborare il progetto entro il 20 luglio».Orgoglio e soddisfazione nelle parole del sindaco di Pedara Antonio Fallica: «Abbiamo fortemente voluto che questo evento diventasse anche un laboratorio per giovani professionisti che giungeranno numerosi a Pedara per promuovere lo sviluppo del territorio attraverso nuove idee».
 
«Portare avanti il Premio istituito da mio padre – ha sottolineato Massimiliano Pappalardo, figlio dell’architetto Gaetano - significa partire dalla sua grande passione. L’evento rappresenta un mezzo per comunicare un nuovo modo di fare architettura, partendo dal workshop, che metterà in risalto l’aspetto creativo e progettuale dei giovani». Tra i convegni in programma, anche quello che accenderà i riflettori sulla proposta di legge legata ai centri storici in Sicilia, come spiega Anthony Emanuele Barbagallo, presidente del Comitato Tecnico Scientifico: « è l’occasione giusta per tutelare e proteggere il centro storico, dando la possibilità ai cittadini di snellire le pratiche e ridurre la burocrazia. Per quanto riguarda il Premio, quella di quest’anno, per i progetti presentati e le personalità coinvolte, ha tutte le caratteristiche per essere un’edizione memorabile».