BIM: la Spagna lancia il piano nazionale, obiettivo BIM obbligatorio negli appalti pubblici

06/08/2015 5043

In un incontro organizzato presso il Ministero delle Infrastrutture spagnolo [Ministerio de Fomento] è stata lanciata la nuova strategia nazionale BIM della Spagna, che dovrebbe tradursi nel portare il BIM ad essere obbligatorio per progetti del settore pubblico.

Non è stata ancora convenuta nessuna data precisa per l'inizio del BIM come un obbligo di legge, anche se le discussioni si concentreranno su un mandato graduale per i diversi settori con un possibile punto di partenza del 2018.

L'incontro, convocato dal ministro spagnolo di lavori pubblici Ana Pastor, ha istituito un comitato direttivo BIM, composto da rappresentanti degli enti pubblici del settore, i ministeri nazionali, gestori delle infrastrutture e gli appaltatori del settore privato e società di consulenza: "Questa commissione è stata creata per promuovere l'attuazione della BIM nel settore delle costruzioni spagnola, promuoverne l'uso in tutto il ciclo di vita delle infrastrutture, la consapevolezza delle amministrazioni pubbliche nella definizione di requisiti BIM a gare d'appalto per le infrastrutture, stabilire un calendario adattare le norme per il loro uso diffuso, sviluppare standard nazionali che facilitano l'uso e rendano omogenea l'applicazione di questa metodologia in Spagna. "

Il comitato direttivo è a sua volta composto da cinque gruppi di lavoro. Il primo è un gruppo di lavoro di collegamento internazionale, che avrà lo scopo di allineare il lavoro di Spagna il BIM con altri paesi limitrofi dell'UE, e anche stabilire legami con i paesi del Sud America, che hanno stretti legami culturali con la Spagna. Gli altri quattro gruppi affronteranno strategie, tecnologie, persone e processi.

Jorge Torrico Liz, vice direttore del design nel dipartimento di ingegneria civile di Ineco, ha aggiunto: "Dobbiamo anche per definire il livello di BIM, ma sarà probabilmente simile a livello britannico 2. Vogliamo anche allineare le definizioni in Europa e questo sarà un compito interessante per il Task Group BIM UE. E' vero che le grandi aziende del settore delle costruzioni si sono già impegnati in altri mercati applicando il BIM, ma  anche le piccole imprese devono convincersi di dover fare un investimento in nuove metodologie. Dovremo convincere molte persone, in particolare delle PMI. "