Tre tipi di sistemi radianti per un unico edificio: un caso di successo Herz

08/10/2015 4055

Esclusiva installazione ed integrazione di tre diversi sistemi di riscaldamento radiante presso un edificio di pregio a Vicenza
 
Completo restyling all’insegna della modernità, del comfort e dell’efficienza per un edificio degli anni Cinquanta situato a Vicenza, in un’area di pregio paesaggistico. Peculiarità da segnalare, l’installazione combinata di tre diverse tipologie di sistemi radianti Herz (pannelli a pavimento a secco, a parete e tradizionali). Una scelta impiantistica dettata dalla necessità di ovviare a limiti esecutivi e dimensionali nonché, dalla precisa volontà di massimizzare la resa dell’impianto di riscaldamento. Accortezze quali la posa di pannelli radianti anche sotto il piatto doccia completano poi il quadro di questo particolare progetto.
Presentiamo un’interessante ristrutturazione effettuata presso un’abitazione privata di pregio, disposta su due livelli ma dalle dimensioni contenute e sita in un’area soggetta a vincoli paesaggistici.
Obiettivo primario dell’intervento, provvedere all’efficientamento energetico dell’immobile, seppur nel pieno rispetto dei limiti ambientali e costruttivi esistenti. Indispensabile quindi un intervento radicale sull’impianto di riscaldamento e la conseguente installazione ed adeguata integrazione di ben tre diversi tipi di sistemi radianti:

Primo piano:

  • Ambiente principale (c.a 45 m²) - a sistema radiante a secco. Causa la necessità di rispettare le quote dettate dalla pavimentazione esistente (problematica frequente in caso di ristrutturazione), si è provveduto ad installare un sistema radiante “a secco” (Herz Pavidry). Sono stati infatti impiegati degli speciali pannelli isolanti lisci con lamina termoconduttrice e dotati di appositi incastri per l'alloggiamento della tubazione, in modo tale da poter mantenerla a pari altezza del pannello stesso. Non essendo necessario il massetto, si è quindi potuto procedere con l’immediata posa della pavimentazione.


     
  • Camera padronale (ampliamento dell’edificio originale - 18 m²) – sistema radiante a parete: sempre a causa della mancanza di altezze utili è stato installato un sistema radiante a parete, alloggiato su una rete metallica elettrosaldata che ha fatto da guida e sostegno alle serpentine (tubo multistrato Herz 14x2).

     

Piano terra (ca. 76 m²) - sistema radiante a pavimento standard: questa zona non presentava particolari difficoltà, si è pertanto scelto di installare un sistema radiante tradizionale (Herz PaviFlat).
Sono stati quindi posati dei pannelli isolanti lisci in polistirene espanso a celle chiuse, caratterizzati però da alta densità ed elevata resistenza allo schiacciamento ed agli urti. Il tubo multistrato Herz è stato poi fissato con apposite clips, essendo i pannelli privi di bugne. Oltre al contenimento dei costi complessivi della ristrutturazione, tale scelta ha consentito di velocizzare anche le operazioni di posa grazie alle peculiari caratteristiche tecniche dei prodotti impiegati.


 
Naturalmente, data la presenza di specifici vincoli e la necessità di collegare adeguatamente diverse tipologie di riscaldamento radiante, la fase progettuale è stata determinante. La costante collaborazione tra Herz (produttore e fornitore dei componenti), i professionisti termotecnici e, l’architetto, responsabile del progetto nonché proprietario dell’immobile, ha consentito lo sviluppo di un impianto altamente efficiente e ritagliato su misura in base alle specifiche esigenze dei committenti.
 
"Progetti come quello presentato oggi sono dei banchi di prova che siamo entusiasti di affrontare, offrendo ai nostri clienti prodotti affidabili e di qualità certificata, nonché consulenze personalizzate per garantirne la migliore installazione. Per questo progetto, ritengo siano stati fondamentali il sopraluogo preliminare in cantiere e lo sviluppo di schemi di posa molto precisi, soprattutto per il sistema a secco Herz Pavidry, trattandosi di una soluzione non comunemente utilizzata in cantiere. L’installatore ha così potuto procedere tranquillamente con l’installazione ed oltretutto, abbiamo evitato inutili sprechi di materiale." ci spiega Maurizio Duso, amministratore delegato di Klimit Srl – Rappresentante esclusivo Herz per l’Italia.
 
"La zona giorno open-space è dotata di sistema radiante a pavimento, opportunamente coperto da un pavimento nuvolato in calcestruzzo. Le serpentine sono state posate con cura per garantire comfort ottimale in tutto l’ambiente ed una precisa regolazione per le diverse zone. Si è optato per la posa delle serpentine di riscaldamento anche sotto il piatto doccia, rivestito in metallo cor-Ten, per aumentare il comfort al contatto con la superficie stessa che risulta così a temperatura ambiente. Al piano primo si è scelto il sistema a parete nell'ampliamento, mentre per i restanti locali è stato posato un sistema slim che ha permesso, in pochi centimetri di spazio a disposizione, di allineare i nuovi pavimenti con la palladiana esistente e di eseguire una lavorazione a secco, in stanze che ormai si presentavano in stato di finitura" precisa Francesca Furlanetto - Architetto responsabile del progetto e proprietaria dell’immobile..
 
Riassumendo, la scelta di prodotti altamente performanti e l’assistenza tecnica continua fornita da Herz, sono state le chiavi per la perfetta realizzazione di questo particolare impianto di riscaldamento.
Herz: Fondata nel 1896, con otto unità produttive in Europa, numerose filiali e rappresentanze internazionali, è oggi un marchio di riferimento nel mercato dei sistemi di riscaldamento a pannelli radianti, pompe di calore, valvole termostatiche per radiatori, valvole per riscaldamento e condizionamento. In Italia Herz è presente su tutto il territorio nazionale attraverso KLIMIT Srl, distributore esclusivo dal 1998. La pluriennale intesa ha portato al consolidamento del marchio quale sinonimo di elevata qualità, affidabilità nelle prestazioni e continua attenzione al cliente.

Per approfondire l'argomento, visita il sito: www.herzitalia.it