COSTRUIAMO CONCRETAMENTE - Orizzonti e Scenari della Digitalizzazione del Settore delle Costruzioni

Il Seminario tenutosi il 16 Ottobre 2015 presso il SAIE a Bologna, nell'ambito delle iniziative promosse da Village 24, si è svolto in un contesto comunitario in cui ormai i principali Governi Europei e Comunitari hanno varato i propri Mandati sulla Digitalizzazione del Settore delle Costruzioni (http://www.planen-bauen40.de/, http://www.batiment-numerique.fr/, http://www.minnd.fr/, http://digital-built-britain.com/, http://www.bimtaskgroup.org/, http://www.esbim.es/es-bim/).

Di particolare interesse sono apparsi i rilievi emersi dagli intervenuti, che qui di seguito si riassumono sinteticamente.

Pietro Baratono ha sostanzialmente evidenziato alcuni elementi acquisiti:
1) il Ministro Delrio ha pubblicamente dichiarato come la Digitalizzazione sia al centro della riforma dell'ordinamento contrattualistico pubblicistico e della riconfigurazione del Settore e assicuri quella condizione di legalità legata sul ruolo di ANAC;
2) il MIT sta ormai conducendo con successo alcune sperimentazioni, in attesa, a breve termine, di introdurre metodi e strumenti nelle gare di appalto e di concessione;
3) la presenza governativa dello EU BIM Task Group è stata assicurata sin dalla fondazione della Task Force comunitaria;
4) il BIM dovrebbe essere al centro della riqualificazione della Domanda Pubblica, a seguito dei recenti processi aggregativi.
Giovanni Cardinale ha messo in evidenza alcune argomentazioni relative agli scenari professionali:
1) il CNI sta provvedendo a definire una piattaforma formativa nazionale;
2) il BIM è alla base di una processo di revisione organizzativa degli assetti professionali che, pur valorizzando alcuni tratti di contesti differenti, deve percorrere una propria specifica via.
Anna Osello ha validamente dimostrato che:
1) la gestione digitale dei patrimoni immobiliari pubblici (come quelli del Comune di Torino o della Regione Piemonte) assume una valenza strettamente legata alle Operations;
2) il District Information Modelling costituisce la premessa per creare le condizioni di effettività della cosiddetta Rigenerazione Urbana.
Marco Perazzi ha spiegato con chiarezza che:
1) il tema non è strumentale, ma strategico;
2) occorre stabilire metriche relative alla Produttività e alla Redditività.
A queste considerazioni devono essere aggiunte le importanti dichiarazioni rese in più occasioni da Claudio De Albertis, che, in definitiva, consentono di constatare che Circolarità e Digitalizzazione entrano a pieno titolo al centro di una Strategia Industriale che, sia pure con un certo, considerevole, ritardo, investe il quarto Mercato delle Costruzioni Europeo, come pure chiaramente osservato dalle iniziative di Rebuild Italia.
In questo frangente è evidente che occorre dare vita a un Centro di Competenza Nazionale che coordini diverse iniziative (si pensi solo alla ricostituita progettualità di buildingSmart Italia) che progressivamente investono Accademie, Istituzioni e Rappresentanze.
E' per questa ragione che ISTeA ha promosso, poco tempo addietro, il Workshop Internazionale su Digitally Enabled Data-Driven Processes e Internet of Buildings e che si propone come interlocutore propositivo delle forze politiche e parlamentari, così come delle istanze governative che presiedono a Policy fondamentali, quali quelle relative alle Istituzioni Scolastiche.
ISTeA, partendo da una terzietà scientificamente innata, nonché dalla presenza reticolare sul territorio nazionale, ritiene, infatti, che sia urgente la costituzione di una Piattaforma Nazionale in grado di raccordare un eventuale Mandato Governativo con una Strategia Industriale che integri interessi appartemente divergenti e che metta a sistema saperi oggi spesso confliggenti.
L'ambizione è quella di proporre una versione della Digitalizzazione del Settore delle Costruzioni che non solo permetta al Settore della Costruzione e dell'Immobiliare di recuperare una credibilità reputazionale, ma che, soprattutto, proponga una Filiera Italian Life Styled sui mercati internazionali.