Scuole e Indagini diagnostiche dei solai: in scadenza il termine per richiedere il contributo

16/11/2015 2826
Pubblicate inoltre, sul sito MIUR, alcunI chiarimenti per gli Enti locali.
 
In attesa del 18 novembre 2015 data in cui scadràil termine per richiedere il contributo  utilizzando  la piattaforma web pubblicata sull'avviso del MIUR (clicca qui e vai all'avviso)., il MIUR ha pubblicato sul proprio sito le FAQ relative al finanziamento a favore degli enti locali per le  indagini diagnostiche dei solai e degli elementi non strutturali degli edifici scolastici. Questo il link per consultare le FAQ.

Si ricorda che questa operazione, resa possibile grazie alla Legge 107/2015 “Buona Scuola”, affianca 40 milioni di euro agli interventi che già Province e Comuni attuano sui propri edifici scolastici. Il decreto prevede un riparto delle risorse su base regionale e provinciale, in base al numero di edifici, alla popolazione scolastica e all’affollamento delle strutture, utilizzando i dati resi disponibili dall’Anagrafe scolastica.

LA SCELTA DEGLI INTERVENTI. Come previsto dal decreto firmato dal Ministro, sono quattro i criteri individuati per la selezione degli interventi:
  • età degli immobili, con particolare riferimento agli edifici costruiti prima del 1970;
  • quota di cofinanziamento;
  • indice di rischio sismico;
  • assenza di finanziamento negli ultimi 5 anni, per interventi strutturali o per indagini diagnostiche. 
AMMONTARE DEI CONTRIBUTI. L'importo massimo erogato per le indagini relative agli elementi strutturali è pari a 7.000 euro per le scuole primarie e per le scuole secondarie di 1° grado  e pari a 9.000 per le scuole secondarie di  2° grado. E’ previsto un finanziamento di non oltre 4.000 euro per le indagini relative agli elementi non strutturali nelle scuole del primo ciclo e di 6.000 euro per le scuole del secondo ciclo.

QUANDO. I contributi saranno erogati nei 15 giorni successivi all'approvazione della graduatoria, che sarà redatta per Regione e ambito provinciale, sulla base dei punteggi assegnati a ciascun edificio scolastico. Le indagini pertanto dovranno essere affidate, pena la revoca del contributo, entro e non oltre il 31 dicembre 2015. Gli Enti beneficiari dei contributi dovranno aggiornare l'anagrafe dell'edilizia scolastica.