Servizi di ingegneria e architettura: basta una polizza assicurativa contro i rischi professionali

30/06/2016 7846

Il testo approvato dall'ANAC ha accolto una richiesta fatta dalla Rete delle professioni tecniche, slegando i richiedenti dall'obbligo di presentazione dei fatturati.

Un'assicurazione contro i rischi professionali a 'prova' dei requisiti di capacità economica e finanziaria nelle gare di progettazione. La potranno richiedere le stazioni appaltanti a 'garanzia'. Dentro le 'pieghe' delle linee guida Anac sui servizi di architettura e ingegneria pubblicate sul sito dell'Anticorruzione e che avevano ricevuto ben 80 contributi a corredo, è questa la novità principale, peraltro basata su una richiesta ad hoc della Rete delle professioni tecniche.

Questi i punti cardine delle linee guida:

- l'indicazione, per le SA, di utilizzare obbligatoriamente il decreto sui parametri di progettazione: fino alla pubblicazione del sopracitato decreto, regolato dall'art.24, comma 8 del d.lgs 50/2016, "al fine di determinare l'importo del corrispettivo da porre a base di gara" occorre fare riferimento ai criteri fissati dal DM 143/2013.

- un'impostazione più 'leggera' sui requisiti di fatturato e personale. Sul primo, in via interpretativa , l'ANAC ha stabilito che "il fatturato globale per servizi di ingegneria e di architettura espletati nei migliori tre esercizi dell'ultimo quinquennio antecedente la pubblicazione del bando può essere richiesto al massimo per il doppio dell'importo a base di gara". Sul secondo, si dovrà avere un numero medio annuo di personale tecnico utilizzato negli ultimi 3 anni "in proporzione alle unità stimate nel bando per lo svolgimento dell'incarico e, al massimo, non superiore al doppio".

- la possibilità, come segnalato in avvio, da parte delle SA, di valutare un'assicurazione/polizza - alternativa al fatturato - "che comprovi la capacità economico-finanziaria di richiedere un livello adeguato di copertura assicurativa contro i rischi professionali". L'importo, in %, sarà fissato in relazione al costo di costruzione dell'opera.