Bando Periferie: nelle nuove FAQ ok a interventi di demolizione e ricostruzione di edifici pubblici

05/07/2016 2727
La Presidenza del Consiglio dei Ministri ha pubblicato i nuovi chiarimenti sul bando da 500 milioni: le proposte progettuali possono riguardare anche strutture edilizie esistenti 
 
 
E' possibile candidare al Bando Periferie da 500 milioni (DPCM 25 maggio 2016) interventi di demolizione e successiva ricostruzione di un edificio destinato ad uso pubblico, sempre che tale intervento sia conforme allo strumento urbanistico vigente e opportunamente motivato.
 
Lo prevede una delle nuove FAQ, aggiornate al 23 giugno, pubblicate sul tema dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri. Tra i chiarimenti, si precisa che è finanziabile anche il progetto che mira al contrasto del rischio idrogeologico e dell’erosione costiera o comunque volto al miglioramento della sicurezza idraulica.
 
Inoltre, da un punto di vista economico, la partecipazione dei privati per la quota di almeno il 25% del valore del progetto non deve essere necessariamente monetaria, ma rappresentata anche "dal conferimento di un immobile, da risorse umane ad esso dedicate e dalla formazione".
 
Le proposte possono anche riguardare strutture edilizie esistenti, destinate in misura totale o prevalente a edilizia residenziale di iniziativa pubblica.
Ricordiamo anche le date che scandiscono il Bando Periferie: 
- presentazione progetti entro e non oltre il 30 agosto 2016;
- termine valutazione progetti il 28 novembre 2016;
- stipula delle convenzioni e/o accordi di programma con i soggetti ammessi al finanziamento entro il 28 dicembre 2016. 

SCARICA IL DOCUMENTO