Il CNI entra nella fondazione ITALIACAMP

22/07/2016 1992
Il Consiglio Nazionale degli Ingegneri si impegna a fornire un’analisi di fattibilità tecnica e tecnicoeconomica dei progetti selezionali da ItaliaCamp nel mondo dell’Accademia e della Ricerca.
 
Il Consiglio Nazionale degli Ingegneri sigla un accordo con Fondazione ItaliaCamp. Verrà formalizzato oggi, nell’ambito del Comitato d’Indirizzo dei Soci della Fondazione ItaliaCamp, il suo ingresso in qualità di socio in uno dei più autorevoli board italiani sui temi dell’Innovazione, della ricerca & sviluppo, della finanza d’impatto, della social innovation. Nata nel 2011, la Fondazione ItaliaCampriunisce attualmente istituzioni, enti di ricerca e alcune tra le principali aziende italiane - ai quali si aggiunge oggi il CNI – decise a sostenere e avviare importanti investimenti nell’innovazione del Sistema Italia e che si riuniscono due volte l’anno per determinarne l’indirizzo strategico.
 
“La collaborazione tra CNI e ItaliaCamp– spiega Armando Zambrano, Presidente del Consiglio Nazionale degli Ingegneri - atterrà soprattutto alla valorizzazione del sistema della ricerca Italiana. E’ volontà comune, infatti, sostenere l’interconnessione tra i risultati della ricerca realizzata dai principali enti di ricerca italiani e le aziende, i business angel, i fondi d’investimento che vogliano scommettere sull’innovazione prodotta nel nostro Paese”.
 
“In termini concreti – prosegue Zambrano - il CNI, attraverso le sue strutture, coinvolgerà gli Ordini Provinciali e i propri iscritti all’interno di un processo di analisi della fattibilità tecnica e tecnico/economica dei progetti selezionati dal mondo dell’Accademia e della Ricerca, per un loro trasferimento nel mercato finalizzato ad una reale implementazione”.
 
“ItaliaCamp è sempre stata storicamente forte nello scouting e nell’emersione di progetti dal mondo dell’università e ricerca - spiega Federico Florà, Presidente di Fondazione ItaliaCamp. - Nell’ultimo anno e mezzo la Fondazione ha già notevolmente ampliato e professionalizzato il proprio team di advisor e, grazie a questa originale partnership con il CNI, unica nel suo genere, potremo rafforzare ulteriormente la capacità di selezione e valutazione indipendente di brevetti e startup con l’obiettivo di una loro valorizzazione presso aziende ed investitori italiani ed esteri”.

A tale scopo, il CNI istituirà un elenco per ciascuna delle tre macro-aree oggetto di sperimentazione: Healthcare, ICT e Green Energy. Da tale elenco verranno estratti i nominativi di coloro che potranno fare parte di apposite ternedi valutazione, composte da Ingegneri di comprovata esperienza, chiamate a svolgere l’analisi della fattibilità tecnica e tecnico/economica delle proposte pervenute alla FondazioneItaliaCamp 

Il Magazine

Sfoglia l'ultimo numero della rivista Ingenio

Newsletter Ingeio

Seguici su