L’Europa finanzierà nuove smart cities anche in Italia?

02/08/2016 2013
Le prossime opportunità Horizon 2020 per i paesi europei
 
Sono in arrivo dopo l’estate i prossimi due inviti del programma europeo Horizon 2020 per il finanziamento di progetti di città intelligenti e sostenibili.
 
Le città, in cui risiedono il 72% della popolazione europea, sono tra le principali responsabili dei cambiamenti climatici, consumando il 75% dell'energia mondiale e generando l'80% dei gas a effetto serra.
Le due opportunità di finanziamento che si presentano agli Stati Membri mirano a individuare le città dalle quali far partire attraverso reti intelligenti, edifici di nuova generazione e trasporti a basse emissioni il futuro energetico intelligente e sostenibile dell’Unione Europea e si articolano come segue:
 
·   Apertura invito: 4 ottobre 2016.
·   Scadenza invito: 14 febbraio 2017.
·   Finanziamento: 71.500.000 euro. Contributo dell’Unione Europea fino al 70%.
·   Obiettivo: realizzare soluzioni dimostrative a scala distrettuale che integrano edifici intelligenti, reti intelligenti (elettricità, teleriscaldamento, telecomunicazioni, acqua, ecc.), stoccaggio di energia, veicoli elettrici e infrastrutture di ricarica intelligenti, utilizzando le piattaforme ICT (e infrastrutture) di ultima generazione. Ciò dovrebbe a sua volta contribuire a gestire una trasformazione di successo verso infrastrutture e servizi della città intelligenti e orientati alla domanda. Questo dovrebbe essere accompagnato da misure di efficienza energetica e l'uso di molto elevate quote di energie rinnovabili a livello dei distretti.
·   Campo di applicazione: le “città faro” sviluppano e testano soluzioni innovative integrate su larga scala (almeno di dimensione distrettuale). Queste città faro dovrebbero diventare le città più avanzate in Europa e agire come esemplari per la loro regione aprendo la strada per la replica di queste soluzioni, adattate alle diverse dimensioni e condizioni locali.
Le tecnologie impiegate dovrebbero già esistere o essere molto vicine agli standard del mercato attuale. L'innovazione è nella combinazione avanzata di queste tecnologie e modelli di business di affiancamento che consentono l'implementazione su larga scala.
Una città può essere finanziata come città faro solo una volta nel programma Horizon 2020. Ciascun progetto deve essere realizzato in almeno 3 città faro, situate in differenti Stati membri e deve coinvolgere almeno 3 “città follower” di almeno 3 diversi Stati Membri che non siano già sede di una città faro.
Un aspetto importante di questa azione sta proprio nella replicabilità delle soluzioni: le città follower sono le città che non hanno ancora acquisito la competenza tecnica completa per diventare una città faro; tuttavia, devono essere pienamente coinvolte nel progetto fin dall'inizio e a queste devono essere destinate sufficienti risorse del progetto per fornire un piano di replica della maggior parte (se non di tutte) delle soluzioni sviluppate nell'ambito del progetto.
 
·    Apertura invito: 8 novembre 2016.
·    Scadenza invito: 7 marzo 2017 e seconda fase 5 settembre 2017.
·    Finanziamento: 40.000.000 euro. Contributo dell’Unione Europea fino al 70%.
·    Obiettivo: sviluppare un quadro di riferimento europeo sulle soluzioni naturali rivolto alle autorità cittadine locali e regionali, alle comunità, alle imprese e alle altre parti interessate dai benefici, dalla convenienza e dalla fattibilità economica di queste soluzioni per migliorare da un lato il clima nelle città e dall'altra parte per indirizzare la rigenerazione urbana inclusiva in città, e quindi promuovere la loro diffusione su larga scala e la creazione di un mercato globale.
·    Campo di applicazione: i progetti dovrebbero adottare un approccio con “front-runner” e “città follower”, per facilitare la rapida diffusione, la replica e l’espansione su larga scala delle soluzioni, realizzando nelle “città guida” le soluzioni innovative, replicabili e localmente in sintonia con la natura.
La realizzazione di soluzioni naturali dovrebbe creare entro il 2020 città europee più sane e più verdi, con una maggiore resistenza ai cambiamenti climatici (ad esempio riduzione dei rischi di inondazione, stress termico mitigato) con migliori condizioni di vita per tutti, una infrastruttura verde e biodiversità accresciute, una migliorata qualità dell'aria e dell'acqua, la riduzione del rumore e dei costi per la cura della salute, condizioni migliori di mobilità, opportunità per l'agricoltura urbana e una maggiore coesione sociale.

Per massimizzare i benefici a livello europeo, ogni progetto deve coinvolgere almeno 2 città guida e 3 città follower di diversi Stati membri o paesi associati.