In Italia quale percezione abbiamo della pericolosità sismica?

02/08/2016 2245
A rispondere a questa domanda una indagine condotta dal INGV nel 2015.Purtroppo i dati ci raccontano di una percezione fortemente sottostimata. Nelle zone sismiche più pericolose del nostro Paese, sono solo 6 su 100 gli italiani che hanno una percezione adeguata.
 
Pur essendo consapevoli che il territorio italiano sia caratterizzato da un alta percentuale di terremoti, "nelle zone sismiche più pericolose del nostro Paese, dove vive circa il 41,3% della popolazione (carta di pericolosità sismica)" spiega Massimo Crescimbene, ricercatore dell'INGV e coordinatore dello studio, possiamo dire che "solo 6 italiani su 100 hanno una percezione adeguata del pericolo presente sul territorio".

In una scala di percezione a sette punti utilizzata nel questionario, nella quale il punteggio 1 indica il valore di percezione più basso mentre il punteggio 7 indica il massimo, i risultati dell'indagine mostrano che la percezione della pericolosità sismica nel nostro Paese è in media di 3,24, con differenze non significative, da un punto di vista statistico, tra le regioni del Nord (3,20), del Centro (3,39) e del Sud e Isole (3,70).

"Questi punteggi sono estremamente bassi se si considera che nella scala utilizzata per il questionario il valore 4 rappresenta il punteggio che divide i valori in bassi (minori di 4) e alti (maggiori di 4) ma soprattutto, ed è il dato più critico, i valori medi registrati da parte di cittadini residenti in zone più e meno pericolose non si discostano sufficientemente tra loro (rispettivamente 3,03 e 3,53), dove nelle aree più pericolose ci si sarebbe aspettato un punteggio medio superiore a 5,50", aggiunge Crescimbene.

L'indagine Risk Perception and Communication ha raccolto, inoltre, informazioni utili per promuovere campagne di riduzione del rischio sismico e progetti educativi.

"Sul totale degli intervistati (N=4.012)", prosegue Crescimbene, "appena il 6% ritiene di essere bene informato sui terremoti e il 33% abbastanza informato, mentre il 38% pensa di essere informato in modo superficiale e il 23% di non esserlo affatto. Il medium più utilizzato per avere informazioni è la televisione (37%) seguito dai giornali (22%) e dal web (21%), Protezione Civile (7%) Enti di Ricerca ed Università (2%), Regioni, Province e Comuni (4%), Libri (4%) il restante 3% riceve informazioni da amici, familiari e associazioni di volontariato.
 
Occorre infine rilevare che meno del 5% degli intervistati ha partecipato personalmente a un'iniziativa per la riduzione del rischio sismico: tra questi, quasi tutti hanno sottolineato un forte coinvolgimento e interesse. In base ai risultati dell'indagine", conclude Crescimbene, "possiamo affermare che nel nostro Paese appaiono quanto mai fondamentali campagne di informazione sulla riduzione del rischio sismico, come "Io non rischio Terremoto" promossa e realizzata dal Dipartimento della Protezione Civile (DPC), INGV, ANPAS e Consorzio della Rete dei Laboratori Universitari di Ingegneria Sismica, in accordo con le Regioni e i Comuni interessati. È inoltre indispensabile trasformare i progetti educativi realizzati in questi ultimi anni nelle scuole (ad esempio il Progetto EDURISK) in programmi permanenti, per dare vita a una generazione di cittadini più informata, consapevole e attivamente coinvolta nella riduzione dei rischi naturali". 

Fonte INGV