I numeri utili e le indicazioni della PC su cosa fare durante e dopo il terremoto

La prima grossa scossa è stata avvertita questa mattina alle 3,36 con magnitudo 6.0 ed epicentro a 2 chilometri da Accumoli (Rieti).  
Una seconda e una terza scossa sono state registrate alle 4:32 e alle 4:33 con rispettivamente magnitudo 5.1 e 5.4, con epicentro in prossimità di Norcia (Perugia), Castelsantangelo sul Nera (Macerata) e Arquata del Tronto (Ascoli Piceno).
Da quel momento ad ora (circa le 13) si sono susseguite oltre 150 scosse con magnitudo compresa tra 2.0 e 4.0. e lo sciame sismico non sembra per ora attenuarsi.
 
La zona interessata dalle repliche (aftershocks), che in prima approssimazione rappresenta l’estensione della faglia attivata, è pari a circa 25 km ed è allineata in senso NNO – SSE. La mappa di scuotimento del terremoto più forte, calcolata con i dati delle reti accelerometriche dell’INGV e del Dipartimento della Protezione Civile, indica uno scuotimento del terreno relativamente più alto nella zona Nord-Occidentale.
 
Secondo un metodo sperimentale del Consorzio Reluis (Rete di laboratori di ingegneria sismica) è stata diffusa una mappa per individuare le zone potenzialmente interessate dallo sciame sismico delle prossime ore. Si presume che il raggio rispetto all'epicentro di Accumoli si di 70Km.
 
NUMERI UTILI. Risulta quindi molto utile ricordare tutti i numeri utili diramati dalla Protezione Civile.
 
I cittadini possono chiamare il numero verde del servizio di contact center 800 840 840 per avere informazioni o fare segnalazioni. Per chi chiama dall'estero è attivo il numero +39 06 82888850.
Facebook ha lanciato il Safety check per rassicurare parenti e amici.
 
COSA FARE DURANTE UN TERREMOTO
 
Se sei in un luogo chiuso
  • Mettiti nel vano di una porta inserita in un muro portante (quello più spesso), vicino a una parete portante o sotto una trave, oppure riparati sotto un letto o un tavolo resistente. Al centro della stanza potresti essere colpito dalla caduta di oggetti, pezzi di intonaco, controsoffitti, mobili ecc. Non precipitarti fuori, ma attendi la fine della scossa.
  • Stai attento alle cose che cadendo potrebbero colpirti (intonaco, controsoffitti, vetri, mobili, oggetti ecc.).
  • Fai attenzione all’uso delle scale: spesso sono poco resistenti e possono danneggiarsi.
  • Meglio evitare l’ascensore: si può bloccare.
  • Fai attenzione alle altre possibili conseguenze del terremoto: crollo di ponti, frane, perdite di gas ecc.
 
Se sei in un luogo aperto
  • Allontanati da edifici, alberi, lampioni, linee elettriche: potresti essere colpito da vasi, tegole e altri materiali che cadono.
  • Fai attenzione alle altre possibili conseguenze del terremoto: crollo di ponti, frane, perdite di gas ecc.
 
 
 
COSA FARE DOPO UN TERREMOTO
  • Assicurati dello stato di salute delle persone attorno a te e, se necessario, presta i primi soccorsi.
  • Prima di uscire chiudi gas, acqua e luce e indossa le scarpe.
  • Uscendo, evita l’ascensore e fai attenzione alle scale, che potrebbero essere danneggiate.
  • Una volta fuori, mantieni un atteggiamento prudente.
  • Se sei in una zona a rischio maremoto, allontanati dalla spiaggia e raggiungi un posto elevato.
  • Limita, per quanto possibile, l’uso del telefono.
  • Limita l’uso dell’auto per evitare di intralciare il passaggio dei mezzi di soccorso.
  • Raggiungi le aree di attesa previste dal Piano di emergenza comunale.