TERREMOTO di AMATRICE - DUE DOMANDE per il MINISTRO GRAZIANO DELRIO

Oggi il Ministro Graziano Delrio si è recato sul luogo del terremoto, nell’epicentro, ad Accumoli (Rieti) e 10 da Arquata del Tronto (Ascoli Piceno) ed Amatrice (Rieti).

Ovviamente, perchè non poteva non mancare, e così le frasi di rito. Ecco quanto ha affermato : "Possiamo permetterci un'altra ricostruzione post-terremoto dopo quella dell'Aquila? Certamente, non possiamo lasciare sola questa gente. "Troveremo le risorse, ce la faremo”.

Questa sera parteciperà a Porta a Porta.


Lo farà con volto segnato, manifestando la vicinanza del governo alla popolazione colpita. Vespa gli chiederà quanti soldi si metteranno a disposizione, cosa si farà per dare un supporto alla popolazione. Sono domande giuste. Ma dubito che qualcuno gli chiederà che cosa è stato fatto in questi anni per prevenire queste tragedie. Nessuno gli chiederà che cosa ha fatto lui ministro e sopratutto che cosa non ha fatto.

Si, Vespa gli chiederà perchè non si mettono degli incentivi. E Graziano Delrio dirà che si è fatto, ma non dirà che senza un sistema di classificazione sismica degli edifici questi incentivi con l'attuale legge di fatto sono inutili. Delrio ricorderà che era sindaco di un comune dell'area del cratere dell'Emilia. E ci dirà che ce la possiamo fare ... che serve ottimismo.

Lo avevamo previsto.

Quest'anno facciamo 40 anni di sisma del Friuli e lo avevamo scritto (LINK ARTICOLO)
Lo sapevamo, purtroppo, che saremmo arrivati alla nuova tragedia sismica di questo Paese, all’ennesimo terremoto distruttore, che saremmo arrivato al lutto di un evento imprevedibile con ancora le nuove Norme Tecniche, fondamentali per poter intervenire sugli edifici esistenti ferme nelle lungaggini burocratiche, e il documento per la certificazione sismica degli edifici (voluto da Lupi) fondamentale per incentivare gli interventi sul costruito fermo sulla scrivania di Delrio.

Da INGENIO avevamo più volte richiesto al Ministro Delrio di intervenire, di non lasciare dormire queste due importanti norme, questi documenti messi a punto dai principali tecnici ed esperti italiani, di non aspettare l’ennesima tragedia per renderli obbligatori.

Si erano poi attivati anche i politici del movimento 5 stelle, con una interrogazione al ministro Delrio (LEGGI ARTICOLO ) ma non è servito.

Ma purtroppo non è poi successo nulla.

Allora - con le lacrime ancora fresche per questa nuova tragedia, che ha colpito dolosamente tante famiglie e una parte importante del patrimonio culturale italiano - la domanda al Ministro Graziano Delrio la poniamo noi:
MINISTRO DELRIO, OLTRE A RAMMARICARSI E DOLERSI PER LA TRAGEDIA AVVENUTA, COSA INTENDE FARE PER LA MESSA IN SICUREZZA SISMICA DEGLI EDIFICI ESISTENTI ? RENDERE’ FINALMENTE OBBLIGATORIE LE NUOVE NORME TECNICHE ? APPROVERÀ’ FINALMENTE IL REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE SISMICA DEGLI EDIFICI ?