Terremoto, scuole: continuano i sopralluoghi negli edifici scolastici

31/08/2016 1750
Passata fase strettamente emergenziale la Protezione Civile si è subito attivata per dare inizio alle verifiche degli edifici strategici partendo proprio dalle scuole.
Iniziate lo scorso 29 agosto, continuano anche in questi giorni le verifiche di agibilità sulle scuole per valutare i danni riportati dalle strutture a seguito del terremoto del 24 agosto scorso.
 
Si tratta di un’attività piuttosto complessa e dovrà essere completata il prima possibile per consentire di trovare eventuali soluzioni alternative in vista dell’inizio dell’anno scolastico.
 
AGGIORNAMENTO. In particolare nella prima giornata dei sopraluoghi, i tecnici dei centri di competenza del Dipartimento della protezione civile ReLuis ed Eucentre hanno già realizzato sopralluoghi sugli edifici scolastici nei comuni di Arquata, Montegallo e Acquasanta in provincia di Ascoli Piceno, Loro Piceno in provincia di Macerata e Norcia in provincia di Perugia.
 
Ieri invece hanno lavorato sette squadre di ReLuis e una squadra di Eucentre nelle Marche, nel Lazio e in Abruzzo. Nelle Marche, i sopralluoghi hanno riguardato scuole nei comuni di Macerata, Recanati, Cingoli (MC), Falerone (FM) e Force (AP); in Abruzzo, nei comuni di Colledara (TE) e Montorio a Vomano (TE); nel Lazio, nel comune di Cittareale (RI).
 
Nel frattempo proseguono gli incontri del Capo Dipartimento della Protezione civile con i sindaci delle aree colpite dal terremoto del 24 agosto, per fare il punto sull’assistenza e discutere delle necessità del territorio.
In Di.Coma.C, inoltre, si è svolto un incontro con il MiBaCT- Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo, per definire una strategia di intervento e programmare le attività future.