Studi di settore new look: Gerico se ne va, arrivano gli indicatori di compliance

08/09/2016 2031

Il professionista-contribuente riceverà una sorta di pagella, con punteggio sintetico, da uno a dieci, sul suo grado di affidabilità 

Vanno in pensione, i vecchi studi di settore, ma per i professionisti si tratterà solamente di un cambiamento su base 'valutativa'.

Il MEF, infatti, ieri ha presentato, presso la sede della SOSE, il nuovo sistema di indicatori di compliance. Di fatto si tratta di un dato sintetico che fornisce, su scala numerica (da 1 a 10, proprio come una pagella), il grado di affidabilità del contribuente.

Se il contribuente raggiunge un grado elevato avrà accesso al sistema premiale che prevede oggi, l’esclusione da alcuni tipi di accertamento e una riduzione del periodo di accertabilità.

Nel nuovo termometro, quindi, verranno inserite diverse voci: valore per addetto, ammontare dei ricavi per addetto, beni strumentali per addetto, durata delle scorte. Importante: invece dei soli ricavi saranno stimati anche il valore aggiunto e il reddito d’impresa.

Un'altra caratteristica importante riguarda il modello di regressione utilizzato, che prenderà in esame otto anni e non più uno contenendo in tal modo più informazioni.

Raccolti tutti i dati, il nuovo modello economico sarà capace di cogliere da solo l'andamento ciclico e quindi non sarà più necessario predisporre, successivamente, correttivi congiunturali altrimenti conosciuti come "correttivi anticrisi". I risultati, cambiato il software applicativo, non saranno più generalizzati ma personalizzati per singolo contribuente sulla base degli effetti individuali calcolati con il nuovo modello di stima.

Infine, al singolo contribuente saranno comunicati (dalle Entrate) il risultato dell'indicatore di compliance sintetico e le sue diverse componenti, comprese quelle che appaiono incoerenti, dotate addirittura di emoticons a corredo. Così - si prospetta - il contribuente verrà stimolato ad incrementare l'adempimento spontaneo e incentivato a interloquire con l'Agenzia per migliorare la sua posizione sul piano dell'affidabilità.