Ruredil firma la nuova pavimentazione del Politecnico di Milano

15/09/2016 2094

I prodotti sviluppati da Ruredil sono i protagonisti della riqualificazione di Piazza Leonardo da Vinci, sede del Politecnico di Milano. La nuova pavimentazione è stata infatti realizzata in calcestruzzo architettonico Levofloor, soluzione che ha permesso di ottenere un aspetto uniforme e naturale.

Il progetto di riqualificazione di Piazza Leonardo da Vinci, promosso dal Comune e dal Politecnico di Milano e ultimato nel maggio 2016, ha trasformato l'intera area da semplice parcheggio a giardino aperto a tutta la città.

L’intervento di recupero, che ha coinvolto l’intera superficie di 5.000 mq della piazza, ha richiesto la rimozione completa della precedente superficie in asfalto che la ricopriva e, con essa, anche dei sottofondi. Sono stati quindi realizzati i nuovo sottofondi con armatura a reti sintetiche Ruredil X Fiber 54. La finitura è stata realizzata con sistema a calcestruzzo architettonico Levofloor sempre prodotto da Ruredil, azienda specializzata da oltre 60 anni nello sviluppo di soluzioni per l’edilizia tecnologicamente all’avanguardia.
L’impiego del sistema di pavimentazione Levofloor ha permesso inoltre di rispettare le richieste del committente, garantendo le funzionalità e resistenza del calcestruzzo, e al tempo stesso un aspetto estremamente naturale, che si sposa perfettamente con i parametri murari dell’edificio del Politecnico. Il sistema a ghiaia a vista sviluppato da Ruredil unisce infatti resistenze meccaniche importanti (RcK ≥ 35 Mpa) a un aspetto naturale dato dalla messa a giorno dell’inerte scelto, dando così l’effetto di una pavimentazione a ghiaia, ma con resistenze da calcestruzzo. Per questa specifica applicazione è stato utilizzato il prodotto Levofloor neutro con inerti di Saltrio di colore nocciola chiaro.

Le fasi dell’intervento
Il primo passo è stato la rimozione completa della vecchia pavimentazione, un mix tra asfalto e calcestruzzo, e del relativo sottofondo. Si è quindi provveduto a creare un nuovo sottofondo fibrorinforzato con Ruredil X Fiber 54, una fibra sintetica strutturale progettata per migliorare la durabilità e le proprietà meccaniche del calcestruzzo, e con il posizionamento dei cordoli e degli inserti in pietra. Per la realizzazione della pavimentazione in Levofloor, il calcestruzzo è stato confezionato con inerti di Saltrio di colore nocciola chiaro (dim. 8-11 mm) e quindi gettato con consistenza S3/S4. Per la successiva disattivazione della superficie è stato utilizzato Disattiva LevoFloor DLF WR che, grazie alla particolare formulazione, esplica un’azione curing ed anti pioggia durante la fase di getto e consente l’ottenimento di superfici in calcestruzzo disattivate fino a 4 profondità di scavo. Dopo circa 20 ore è stato effettuato il lavaggio a pressione.

SCHEDA CANTIERE

Oggetto:  Realizzazione pavimentazione in calcestruzzo architettonico Levofloor
Località: Piazza Leonardo da Vinci, Milano
Committente: Comune di Milano – Politecnico di Milano
Direzione e progettazione dei lavori: Politecnico di Milano
Impresa: Italcostruzioni Srl (Gela)
Posatore: Lithospav (Altamura)
Prodotti utilizzati: Levofloor neutro, Disattiva Levofloor DLF WR, Ruredil X Fiber 54

I PRODOTTI

RUREDIL X FIBER 54 (RXF 54)
è una fibra sintetica strutturale, progettata per migliorare la durabilità e le proprietà meccaniche del calcestruzzo. RXF 54 è una fibra ibrida, costituita cioè da un monofilamento non fibrillato a base di una miscela speciale di polimeri poliolefinici e da una fibra fibrillata di polipropilene, in grado di ridurre, e in alcuni casi eliminare totalmente, il ritiro plastico. RXF 54 incrementa la duttilità, la resistenza alla fatica e la durabilità del calcestruzzo. A differenza delle fibre metalliche, RXF 54 non si corrode, non è magnetica, è resistente al 100% agli acidi, alle basi e in genere a tutti gli agenti aggressivi, essendo chimicamente inerte. Il calcestruzzo confezionato con RXF 54 ha una durabilità e prestazioni meccaniche nettamente superiori a un calcestruzzo confezionato con pari dosaggio (in volume) di fibra metallica, liscia o uncinata. RXF 54 sostituisce in tutte le applicazioni la rete elettrosaldata.

LEVOFLOOR
è un sistema di pavimentazione che permette di lavorare con fantasia e creatività utilizzando gli aggregati naturali presenti nelle proprie zone di lavoro, con semplicità e praticità. Con LevoFloor è possibile realizzare pavimentazioni carrabili e non, nel settore pubblico e privato, dall’effetto “terra” naturale a quello più elaborato tipo “mosaico”, tutto nel rispetto delle normative vigenti UNI EN206-1. L’aggiunta di LevoFloor Concentrato al normale calcestruzzo, messo poi semplicemente in opera come qualsiasi calcestruzzo per reti viarie e poi disattivato, si trasforma in un materiale dalle caratteristiche prestazionali ed architettoniche tali da integrare nell’ambiente qualunque tipo di pavimentazione pedonale o carrabile. Questo procedimento, ormai apprezzato dagli urbanisti, dagli studi tecnici di progettazione e dagli esperti della rete viaria, si integra perfettamente anche nel settore della proprietà privata nella versione LevoFloor Pronto. Il miglior compromesso tra prezzo, estetica, durabilità, rispetto ad ogni altro pavimento presente sul mercato.

DISATTIVA LEVOFLOOR DLF WR
è un prodotto disattivante di superficie a base acqua, pronto all’uso, idoneo per la realizzazione di pavimentazioni architettoniche o getti in calcestruzzo con inerte a vista. La particolare formulazione esplica un’azione curing ed anti pioggia durante la fase di getto e consente l’ottenimento di superfici in calcestruzzo disattivate a diverse profondità. Disattiva LevoFloor DLF WR è disponibile in 4 profondità di scavo.

Per approfondire, visita il sito: www.ruredil.it