Assemblea Generale UNICMI 2016: occorre investire su innovazione e in risorse umane qualificate

Venerdì 7 ottobre l’Auditorium delle Edizioni San Paolo, a Milano, ha accolto i Soci Unicmi per il tradizionale appuntamento con l’Assemblea Generale.
 
I TEMI. L’edizione 2016 dell’assise dell’Associazione che rappresenta i più significativi players industriali dell’involucro edilizio e delle costruzioni metalliche è stata dedicata a tre tematiche strategiche per l’intero comparto:
 
-la ripresa selettiva e a macchia di leopardo che riguarda il settore delle costruzioni
l’accesso al credito per le PMI
- le nuove regole del sistema creditizio, la necessità di investimenti in innovazione a partire dall’implementazione del BIM in tutti i processi progettuali, produttivi e realizzativi.
 
L’Assemblea è stata aperta con la lettura di un messaggio inviato dal Presidente del Consiglio Matteo Renzi, nel quale il Premier, oltre ad augurare buon lavoro all’Assemblea Unicmi, ha evidenziato la consonanza dell’esecutivo con le strategie prioritarie tracciate da Unicmi: innovazione, accesso al credito, conferma dei bonus del 65% per la riqualificazione energetica e avvio delle detrazioni per la messa in sicurezza sismica del patrimonio immobiliare italiano.
 
Carmine Garzia, coordinatore scientifico dell’Ufficio Studi Unicmi, ha sottolineato come il comparto delle costruzioni accusi il peso di oltre sette anni di crisi e, attraverso una rigorosa e spietata analisi delle performance reddituali delle Aziende del settore involucro e del settore costruzioni metalliche nei suoi termini, ha sottolineato la negatività della redditività delle aziende, del ROS, del ROIC, del tasso di indebitamento e del rapporto fra posizione finanziaria netta e EBIT. Tutti questi fattori in abbinata ad una ripresa selettiva e insufficiente, caratterizzata da una compressione di prezzi e margini industriali e da una debolezza finanziaria strutturale rischiano di pregiudicare una rapida uscita dal tunnel.
Garzia ha sottolineato come sarebbero invece necessari forti investimenti in innovazione,supportati da un adeguato accesso al credito da parte delle Aziende. Infatti, solo migliorando la produttività e le competenze del capitale umano e investendo in nuovi processi produttivi, logistici e di gestione dei cantieri, le imprese potranno essere competitive e protagoniste del nuovo mercato dei prossimi anni, un mercato che però dovrà essere caratterizzato da una ripresa significativa di investimenti pubblici in infrastrutture, nuove costruzioni, manutenzione e riqualificazione sismica ed energetica dell’esistente.
 
Roberto Cassanelli, Head of Corporate Sales Italy di Unicredit Banca, tracciando un quadro analitico di cosa è cambiato nel sistema creditizio a causa dei vincoli internazionali e quale sia lo scenario negli altri paesi europei, ha evidenziato l’impegno di Unicredit nel supportare gli investimenti in innovazione e in internazionalizzazione delle Imprese attraverso soluzioni integrate di filiera e mini-bond dedicati, annunciando l’apertura di tavoli per ogni settore industriale o tipologie di aziende rappresentate da Unicmi che prenderanno avvio a partire dal 2017, finalizzati alla ricerca degli strumenti finanziari più idonei al comparto e alle sue necessità di attuare investimenti.
 
Edmondo Occhipinti, Ceo di 3-IM, attraverso l’esposizione di numerosi grandi progetti internazionali, ha evidenziato come il BIM rappresenti una innovazione obbligata per migliorare processi e prodotti, per razionalizzare i costi e aumentare la competitività sul mercato, dai piccoli cantieri dove sono impegnate le PMI alle grandi realizzazioni infrastrutturali.
 
Il Presidente Unicmi Riccardo Casini nella sua relazione ha evidenziato i fronti principali presidiati dall’Associazione nell’ultimo biennio e il lavoro messo in campo a favore dei Soci: 25 documenti tecnici160 newsletter informativepresidio normativo costante in 7 Commissioni e 41 Gruppi di Lavoro UNI e in 24 Gruppi di Lavoro CEN46 Corsi di Formazione svolti2.255 fra consulenze e quesiti tecnici assolti, 400 ore dedicate al dialogo con le Istituzioni, i grandi committenti e le altre Associazioni del mondo delle Costruzioni.
Casini ha quindi fatto il punto sull’attività futura di Unicmi, ponendo l’attenzione sull’attivazione dello Sportello Appalti Pubblici, sull’azione di lobbying dedicata alle detrazioni fiscali per la messa in sicurezza sismica e per la riqualificazione energetica, sull’impegno per il cambiamento del parametro H’t un vero e proprio vulnus per l’intero settore dell’involucro, sui Corsi di Formazione dedicati al BIM, sull’estensione al settore acciaio e saldature dello Sportello Normative attivo da anni per l’involucro edilizio.
 
Il Presidente ha quindi presentato due importanti progetti che caratterizzeranno l’immediato futuro: una grande campagna di comunicazione sul serramento di alluminio svolta in partnership con le più qualificate aziende impegnate nella produzione di sistemi e componenti e la qualificazione della posa in Opera attraverso la costituzione di una Divisione Unicmi in cui siano rappresentate le più significative imprese protagoniste della posa in opera di serramenti, facciate continue e carpenteria e attraverso l’implementazione di 3 Marchi di qualità specifici che facciano la differenza sul mercato.
Casini ha concluso il suo intervento sottolineando come i temi presentati in Assemblea, ovvero la necessità per le Imprese, piccole e grandi, di cambiare passo per essere competitive investendo in innovazione e in risorse umane qualificate, siano pregiudiziali per agganciare una ripresa selettiva e difficile, evidenziando come una presenza qualificata del comparto a MADE expo possa rappresentare un’opportunità di visibilità e di comunicazione per il mercato italiano.
Donatella Chiarotto, Vicepresidente Vicaria di Unicmi, ringraziando il Presidente del Consiglio Renzi per l’attenzione prestata ai temi della messa in sicurezza sismica e alla ruiqualificazione energetica, ha quindi presentato all’Assembea una mozione a favore della praticabilità delle detrazioni sulla sismica e per la conferma dei bonus del 65% per la riqualificazione energetica. L’Assemblea ha approvato all’unanimità la mozione.
L’Assemblea Unicmi ha quindi proceduto all’approvazione del nuovo metodo di contribuzione e del bilancio associativo e ha proceduto alla proclamazione dei nuovi organismi dirigenti dell’Unione.
 

Scarica le relazioni presentate all’Assemblea Unicmi