Attestati di prestazione energetica (APE): la Lombardia approva i controlli

09/12/2016 2654

La giunta della Regione Lombardia ha approvato il Piano dei controlli in merito alla conformità degli attestati di prestazione energetica degli edifici (APE) predisposto da Ilspa, in attuazione della legge regionale 24/2014

La Lombardia ha approvato ufficialmente il Piano dei controlli sugli APE, gli attestati di prestazione energetica: la dgr del 28 novembre 2016, pubblicata nel Burl, conferma l'approvazione di quanto predisposto da Ilspa, in attuazione della legge regionale 24/204 (art. 11), la quale ha stabilito la cessione a Infrastrutture Lombarde Spa del ramo di azienda di Finlombarda Spa dedicato allo sviluppo e all'attuazione delle politiche energetiche regionali e allo sviluppo dei sistemi catastali riguardanti l'efficienza energetica degli edifici, con particolare riferimento alla certificazione energetica ed il rendimento energetico degli impianti per la climatizzazione in ambito civile.

In tale contesto, Fininlombarda Spa ha acquisito anche le funzioni relative ai controlli e all'irrogazione delle sanzioni riguardanti gli APE degli edifici lombardi: il sopracitato art.11 comma 4 della legge regionale 24/2014 detta infatti la predisposizione, con cadenza annuale, di un Piano dei controlli relativo alla conformità degli Attestati di Prestazione Energetica degli edifici e il resoconto dei controlli effettuati e delle sanzioni irrogate.

I criteri e le penalità per il controllo degli APE redatti sulla base della d.g.r. 3868/2015 e del decreto 6480/2015 saranno definiti con provvedimento del dirigente competente indicando anche le modalità di esecuzione dei controlli documentali, che dovranno essere estesi anche agli APE redatti in base alla d.g.r. 8745/2008 e al decreto 5796/2009.

E’ importante ricordare che l’ingiunzione di pagamento della sanzione, nel caso in cui un trasgressore non si avvalga delle facoltà di oblazione prevista dalla l. 689/81, verrà emessa direttamente da Regione Lombardia e non da Ilspa, diversamente da quanto previsto con d.g.r. 2554/2011.