67,2 milioni di euro ecco il conto per non costruire dei depuratori

09/12/2016 1849

La Commissione europea, con un nuovo ricorso alla Corte di giustizia dell'Unione europea, chiede di applicare all'Italia una multa milionaria per non essersi adeguata integralmente alla sentenza del 2012 della stessa Corte sulla raccolta e il trattamento delle acque reflue.

Si tratta di "una sanzione forfettaria di 62,69 milioni di euro", a cui "va aggiunta una multa di circa 347mila euro per ogni giorno" di ritardo che l'Italia potrebbe accumulare a partire dalla futura sentenza della Corte di giustizia.

Sono infatti 80 gli agglomerati urbani con oltre 6 milioni di abitanti, in Abruzzo (un agglomerato), Calabria (13), Campania (7), Friuli Venezia Giulia (2), Liguria (3), Puglia (3) e Sicilia (51) ad essere inadempienti.

Come è facile notare è sopratutto il  Sud  Italia  a scontare  un  ritardo  nell’attivazione  del  Sistema Idrico Nazionale  che  ha  introdotto  ulteriori  elementi  di  rallentamento  nella  ripresa  industriale  del  Mezzogiorno  soprattutto  in  un  momento  storico  di  forte  spinta verso gli investimenti nel campo delle infrastrutture.


Il Magazine

Sfoglia l'ultimo numero della rivista Ingenio

Newsletter Ingeio

Seguici su