EMILIA-ROMAGNA: modificati i termini del bando per i contributi ai professionisti per progetti Ict

22/05/2017 2039
LA MODIFICA. In particolare viene stabilito di anticipare, secondo il principio di prudenza ed efficienza amministrativa, la chiusura della prima finestra, qualora venissero trasmesse 200 domande prima del 31/5/2017 e di procedere ad una sua eventuale riapertura, in caso di utilizzo parziale delle risorse previste dal bando approvato con la Deliberazione della Giunta regionale n.331/2017; viene stabilito inoltre di procedere comunque alla valutazione delle domande pervenute entro la chiusura dei termini e, nel caso di loro ammissibilità, le stesse, potranno essere ammesse agli aiuti con progressivo scorrimento della graduatoria utilizzando le risorse disponibili;
 
IL BANDO
OBIETTIVI: Il bando è finalizzato al supporto di soluzioni Ict per le attività delle libere professioni e l’implementazione di servizi e di soluzioni avanzate in grado di incidere significativamente sull’organizzazione interna, sull’applicazione delle conoscenze, sulla gestione degli studi e sulla sicurezza informatica.
 
BENEFICIARI, il bando è rivolto a:
LIBERI PROFESSIONISTI ORDINISTICI
  • titolari di partita Iva,
  • esercitanti attività riservate, iscritti ai sensi dell’art. 2229 del codice civile a Ordini o Collegi professionali e alle rispettive Casse di previdenza,
  • che operano in forma singola, associata o societaria
LIBERI PROFESSIONISTI NON ORDINISTICI
  • titolari di partita Iva,
  • autonomi,
  • operanti in forma singola, o associata di “studi formalmente costituiti“ (esclusa la forma di impresa). .
  • Siano iscritti alla gestione separata Inps previsto dall'art. 2, comma 26 della Legge 335/95,
  • anche appartenenti ad Associazioni professionali riconosciute di cui alla L. n.4/2013.
INTERVENTI AMMESSI, I progetti dovranno contribuire a creare opportunità di sviluppo, consolidamento e valorizzazione delle attività libero professionali tramite la realizzazione d’interventi per: - favorire lo sviluppo, la strutturazione delle attività libero professionali e il loro riposizionamento; - facilitare l‘affiancamento dell’attività professionale ai processi di efficientamento della pubblica amministrazione; - incentivare gli investimenti in nuove tecnologie, innovazioni di processo, in tecnologie informatiche; -diffondere la cultura d’impresa, dell’organizzazione e della gestione/valutazione economica dell’attività professionale; - consolidare le realtà professionali attraverso la stabilizzazione del lavoro.
 
MINIMALE: i progetti per i quali viene presentata domanda di contributo dovranno avere una dimensione minima di investimento pari a complessivi € 15.000,00
 
CONTRIBUTO:  è concessa nella misura del 40% dell’investimento ritenuto ammissibile fino ad un  massimo di € 25.000,00.
 
DOMANDE: la domanda di contributo dovrà essere effettuata entro le seguenti scadenze:
-Dal  3 maggio 2017, al 31 maggio 2017.
-Dal 12 settembre 2017, al 10 ottobre 2017.