Edilizia scolastica, il miliardo è servito. Ultime sui decreti di assegnazione risorse

28/08/2017 2060

Edilizia scolastica, il miliardo è servito: tra fine luglio e ferragosto, il ministro dell'Istruzione Valeria Fedeli ha firmato tutti i decreti attuativi attesi in Gazzetta. Il punto della situazione

Sono stati firmati, i decreti di attuazione che libereranno, a brevissimo, 1 miliardo complessivo a disposizione di interventi di edilizia scolastica. A questi, vanno aggiunti gli 1.7 miliardi di programmazione triennale 2018-2020, per la quale però l'iter è ancora da concludere.

Riguardo alle misure operative, vediamole nel dettaglio:

  • 321 milioni sono stati assegnati a province e città metropolitane per interventi adeguamento sismico e messa in sicurezza: le risorse, ripartite in varie misure tra le regioni, con la Campania a quota 48 milioni - serviranno a realizzare gli interventi resi necessari dopo le indagini diagnostiche finanziate in precedenza, sempre dal Miur;
  • 350 milioni con BANDO PON per le cinque regioni del Mezzogiorno (Basilicata, Calabria, Puglia, Campania e Sicilia) per la riqualificazione di edifici scolastici (adeguamento sismico, messa in sicurezza, misure antincendio, interventi per agibilità). L'accreditamento da parte delle amministrazioni sarà possibile a partire dal prossimo 28 settembre;
  • 26.4 milioni per interventi di adeguamento sismico in Italia;
  • 10 milioni dedicati al "ripristino e alla funzionalità delle scuole" nelle aree del Centro Italia;
  • 110 milioni per la prevenzione, dei quali 105 per una nuova campagna di indagini sulla vulnerabilità sismica degli edifici scolastici;
  • 7.5 milioni per le indagini diagnostiche mirate su solai e controsoffitti e per la prevenzione dei crolli;
  • 150 milioni INAIL (2018-2020) per realizzare poli per l'infanzia, con la Lombardia a quota 24.3 milioni.