Decreto Concorrenza e professionisti: la speciale guida del CNI

19/09/2017 4572

Legge sulla Concorrenza, tutte le novità per i professionisti nel dettaglio: assicurazioni, preventivi e compensi, trasparenza nelle comunicazioni, società di ingegneria

Abbiamo già avuto modo di specificare che dallo scorso 29 agosto, come previsto dalla legge 124/2017 (DL Concorrenza), è scattato l’obbligo, per i professionisti, di redigere un preventivo scritto o digitale e di indicare titoli e specializzazioni. Il decreto Concorrenza ha introdotto anche altre novità per le attività di agrotecnici e società di ingegneria.

Nel merito entra anche il CNI, con un approfondimento/guida molto interessante sui contenuti di rilievo per i professionisti tecnici:
 

  • ultrattività decennale della copertura per responsabilità civile derivante da attività professionale (comma 26 dell'articolo unico): nelle condizioni generali delle polizze dovrà essere inserito un periodo di ultrattività della copertura per le richieste di risarcimento presentate per la prima volta entro i dieci anni successivi e riferite a fatti dovuti alla responsabilità che si siano verificati nel periodo di operatività della copertura;
  • misure di trasparenza nel sistema delle erogazioni pubbliche (commi 125, 126 e 127): Onlus, associazioni e fondazioni dovranno pubblicare ogni anno, entro il 28 febbraio, le informazioni relative al denaro eventualmente incassato dalla PA
  • compensi e preventivi delle prestazioni professionali (comma 150): d'ora in poi il preventivo dovrà contenere una serie di elementi nuovi, in forma scritta o digitale, dagli estremi dell'assicurazione all'entità del compenso, organizzato secondo le principali voci di costo, comprensive di spese e oneri vari, comprese le indicazioni sui titoli professionali, le specializzazioni e tutte le informazioni sul grado di complessità dell'incarico;
  • trasparenza delle informazioni nei confronti degli utenti (comma 152);
  • ingresso nel mercato privato delle società di ingegneria (commi 148 e 149): il CNI, in merito, esprime le sue perpelssità ricordando che sarebbe servita una uguale condizione di partenza per i soggetti operanti nello stesso mercato, per impedire il crearsi di posizioni dominanti.
     

SCARICA LA GUIDA DEL CNI SUL DECRETO CONCORRENZA - PUNTI DI INTERESSE PER I PROFESSIONISTI