93 anni fa apriva la MilanoLaghi, la prima autostrada al mondo, ed era in calcestruzzo

Redazione Inconcreto 21/09/2017 985

21 settembre 1924: il re d'Italia Vittorio Emanuele III inaugura a bordo di una Lancia Trikappa il primo tronco della Milano-Laghi, la prima autostrada al mondo.

Eh sì, perchè nonostante in Germania fossero già state realizzate strade a scorrimento veloce riservate ai veicoli a motore, quella che è oggi la A8/A9 è a tutti gli effetti la prima autostrada a pagamento del mondo.



A fianco della Lancia, troneggiavano due pali biancorossi dove alla sommità erano collocati due moderni pneumatici Pirelli e un cartello sospeso che invitava l'Alt. Oltre l'asta a perdita d'occhio quarantatré chilometri di calcestruzzo luccicante come una lacca.La Tribuna di Roma scriveva: "Viaggio attraentissimo su un cemento liscio come il parquet, senza callaie insidiose o cicli o simili da mandare all'altro mondo"

Una tappa fondamentale nella storia stessa della mobilità anche perché l'idea e la realizzazione della Milano-Laghi sono legate ad una iniziativa privata, quella dell'ingegner Piero Puricelli, conte di Lomnago, che con grande lungimiranza aveva fondato nel 1921 la Società Anonima Autostrade avviando la richiesta delle autorizzazioni per fare riconoscere la pubblica utilità alcuni suoi progetti e poterne avviare la realizzazione. Una vera intuizione, che guardava ad un futuro in cui i mezzi a motore avrebbero avuto un ruolo sempre più importante ma che, in quegli anni, era ancora molto limitato, come dimostrano i dati complessivi sul parco veicolare in Italia del 1923, composto da 57mila auto, 25mila mezzi merci e 2.685 bus.

Per quel primo nastro di calcestruzzo, che univa la zona di Lainate a Gallarate (oggi A8) a una sola corsia ma con caselli di ingresso e uscita ogni 5 km circa, furono necessari più di tremila espropri ma bastarono appena 15 mesi.

Un opera faraonica di trentacinque ponti e settantuno sottopassi, voluta dal regime fascista. A tal proposito, Mussolini in persona ha dato il primo colpo di piccone fissando la durata e termine del cantiere in cinquecento giorni, al tempo in Italia erano in circolazione circa ottantamila vetture. Tra i vari calcoli era stato previsto un transito giornaliero di mille auto, tale cifra era stata raggiunta e raddoppiata successivamente, nel 1938.

La strada riservata ai soli mezzi a motore era larga dagli 11 ai 14 metri, con pavimentazione costituita da lastre di calcestruzzo spesse da 18 a 20 cm, con due caratteristiche che servirono poi ispirare le tante autostrade che seguirono nel mondo: raggio delle curve non inferiore a 400 metri e pendenza massima del 3%.


La seconda tratta della Milano-Laghi, quella che andava da Lainate a Como (oggi A9) per altri 24 km, venne inaugurata il 28 giugno 1925 e nello stesso anno venne aperto anche il prolungamento da Gallarate a Sesto Calende (oggi A8/A26) per altri 11 km.

Per la costruzione di questa autostrada vennero utilizzati in media 4.000 operai ogni giorno, furono spostati in totale 2 milioni di metri cubi di terra e 5 betoniere fatte arrivare dagli Stati Uniti produssero 1.200 metri cubi di conglomerato cemento-ghiaia (che proveniva dalle Cave Puricelli di Besuschio) da impiegare per la pavimentazione e per 219 manufatti in calcestruzzo.