Edilizia scolastica: 1.7 miliardi per i fondi triennali 2018-2020. I requisiti per l’assegnazione

Patto Nazionale Verticale: prevista l'assegnazione alle regioni di 900 milioni per il 2018 e 2019 e 700 milioni per il 2020 per interventi di edilizia scolastica, ricostruzione post-sisma e prevenzione del rischio sismico

Nella riunione del 213 novembre, la Conferenza unificata ha approvato lo schema di decreto interministeriale per la programmazione 2018-2020 da 1.7 miliardi di euro dell'edilizia scolastica.

Si tratta, nello specifico, della predisposizione della programmazione unica triennale nazionale 2018-2020 (cd. Patto Nazionale Verticale), ai sensi dell'art 10 del decreto-legge 104/2013: nel decreto sono fissati i criteri e le priorità che governeranno la formazione della programmazione nazionale di edilizia scolastica per il triennio 2018-2020.

Il totale delle risorse sarà suddiviso in 900 milioni per il 2018 e 2019 e 700 milioni per il 2020. Si prevede, in particolare, che le regioni, nella definizione dei loro piani regionali diano priorità a:

  • interventi di adeguamento sismico, o di nuova costruzione per sostituzione degli edifici esistenti nel caso in cui l'adeguamento sismico non sia conveniente;
  • interventi finalizzati all'ottenimento del certificato di agibilità delle strutture;
  • interventi per l'adeguamento dell'edificio scolastico alla normativa antincendio previa verifica statica e dinamica dell'edificio;
  • ampliamenti e/o nuove costruzioni per soddisfare specifiche esigenze scolastiche.

Nell'ambito delle priorità di intervento, le Regioni individuano gli enti beneficiari tenendo conto:

  • a) della necessità di interventi relativi agli edifici scolastici di secondo grado e del numero degli studenti del secondo ciclo di istruzione sul totale degli alunni iscritti sul territorio regionale;
  • b) del livello di progettazione;
  • c) del completamento dei lavori già iniziati e non completati per mancanza di finanziamento misurato attraverso il rapporto fra il costo dell’intervento di completamento e il costo degli interventi già sostenuti;
  • d) della maggiore popolazione scolastica beneficiaria dell’intervento;
  • e) della valutazione della sostenibilità del progetto;
  • f) della dismissione di edifici scolastici in locazione passiva ovvero attuazione di piani di razionalizzazione della rete scolastica, formalmente approvati dall'ente per l'ottimizzazione e la riorganizzazione del servizio;
  • g) ulteriori criteri definiti a livello regionale sulla base di specificità territoriali.

Non sono invece ammessi a finanziamento:

  • a) gli interventi relativi ad edifici, ricadenti nelle zone 1 e 2 di elevato rischio sismico, per i quali l'ente non si sia impegnato ad effettuare la verifica di vulnerabilità sismica entro i termini previsti art. 20-bis, comma 4, del decreto-legge 8/2017 e comunque non oltre la data del decreto di autorizzazione di cui all'art. 1, comma 3, del presente decreto;
  • b) interventi che prevedano esclusivamente la sistemazione a verde e l'arredo urbano delle aree di pertinenza.

Il decreto dispone inoltre l'assegnazione di 400 milioni da suddividere fra i comuni terremotati e quelli istituiti mediante fusione e con popolazione fino a 5 mila abitanti, anche se non dispongono di una progettazione avanzata (sono comunque previste sanzioni per il mancato, integrale utilizzo degli spazi assegnati).

SCARICA LO SCHEMA DEL DECRETO


Il Magazine

Sfoglia l'ultimo numero della rivista Ingenio

Newsletter Ingeio

Seguici su