Il rapporto del Ministro dell'Ambiente sugli effetti delle tecniche "airgun" in mare

Pubblicato il rapporto del Ministro Ambiente sugli effetti delle tecniche "airgun" in mare

REDAZIONE ICLHUB 17/01/2018 1424

Rapporto Ministero Ambiente e ISPRA sugli effetti ambienti delle tecniche "airgun" per la prospezione idrocarburi nell'ecosistema marino.

Pubblicato dal Ministero dell'Ambiente, in collaborazione con il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti e la consulenza dell'ISPRA il secondo rapporto sugli Effetti per l'ecosistema marino della tecnica dell'airgun per la ricerca e la prospezione degli idrocarburi.

Il documento ha preso in considerazione le evoluzioni di interesse per la materia, intercorse nell’arco temporale di un anno (nel periodo 1.12.2016 - 31.10.2017), riportando aggiornamenti in relazione sia al quadro normativo vigente in materia di rumore sottomarino e di Valutazione di Impatto Ambientale (VIA), sia alle attività effettuate con tecnica airgun nelle acque territoriali italiane.

Per le attività di ricerca di idrocarburi è stata ridefinita la tipologia progettuale (perforazione di pozzi) e mantenuta per tale attività l’assoggettamento a VIA statale.

Per le attività di coltivazione di idrocarburi, sono state introdotte soglie in relazione ai quantitativi di idrocarburi liquidi e gassosi estratti, in recepimento delle disposizioni della direttiva 2014/52/UE (Allegati I e II) in base alle quali le attività vengono rispettivamente assoggettate, sempre in sede statale, a:

- procedura di VIA, per quantitativi estratti superiore a 500 tonnellate/giorno (petrolio) e a 500.000 m³/giorno (gas naturale),
- procedura di verifica di assoggettabilità a VIA, per quantitativi estratti fino a 500 tonnellate/giorno (petrolio) e a 500.000 m³/giorno (gas naturale).

Le analisi eseguite rilevano la presenza di danni all'ecosistema marino portate dalle tecniche dell'airgurn, anche se non è possibile quantificarne la portata, soprattutto in archi temporali lunghi.

REDAZIONE ICLHUB
iClhub è un’Associazione culturale senza scopo di lucro che persegue la finalità del “mutuo soccorso digitale” per i settori sociali della sicurezza nei luoghi di lavoro e nei cantieri, oltre che dello sviluppo sostenibile e della prevenzione/protezione della salute della popolazione.L’Associazione gestisce CATALOGO la prima Libreria Pubblica Digitale completamente gratuita e senza pubblicità.