Misura e verifica delle performance energetiche in un grande centro commerciale

Valutazione sull’applicabilità dell’Energy Performance Contracting nel settore della Grande Distribuzione Organizzata (GDO)

1 PREMESSA E OBIETTIVI

Il complesso edilizio in esame è sede di un importante Centro Commerciale (CC), ubicato nel Centro-Sud Italia, in prossimità di una nota località turistico-balneare, che ospita al suo interno circa cinquanta esercizi commerciali .

L’obiettivo dello studio è quello di fornire alla Proprietà una metodologia tecnico-scientifica, volta alla valutazione rigorosa e indipendente dei benefici legati all’implementazione di Azioni per il Miglioramento dell’Efficienza Energetica (“AMEE”), alla loro misura e verifica, nonché alla condivisione dei rischi attesi nei risparmi (livello di incertezza) tra i vari attori coinvolti nell’iniziativa (la Proprietà e la ESCo che ha proposto la realizzazione di interventi, individuati attraverso la Diagnosi Energetica, “DE”), durante la successiva gestione pluriennale degli asset impiantistici in modalità Finanziamento Tramite Terzi (“FTT”) e Energy Performance Contracting (“EPC”).

L’analisi è stata svolta anche attraverso controlli a campione sui dati raccolti ed elaborati dalla ESCo, compendiati nella DE, mediante verifiche operative direttamente in situ, volte ad intercettare eventuali asimmetrie informative nella proposta di progetto presentata dalla ESCo alla Proprietà del CC.

2 CARATTERIZZAZIONE DEI CONSUMI ENERGETICI NEGLI IMPIANTI DI SERVIZIO

2.1 QUADRO DI RIFERIMENTO

2.1.1 Sistemi tecnici

La fornitura di energia elettrica avviene attraverso un allaccio alla rete in MT e la trasformazione in bassa tensione nelle rispettive cabine MT/bt. La continuità della fornitura elettrica per le utenze privilegiate, in caso di black out della rete di distribuzione, viene garantita dai gruppi elettrogeni collegati in parallelo alla rete. La power quality e l’alimentazione elettrica dovuta alle mini/micro-interruzioni è garantita dai sistemi statici di continuità (UPS).

Nella situazione ante operam, gli impianti tecnici di servizio delle aree comuni risultano sommariamente caratterizzati al modo seguente:

• impianto illuminotecnico: lampade ad alta efficienza, con presenza di regolatori del flusso luminoso;

• impianto di climatizzazione (estiva ed invernale): pompe di calore condensate ad aria, ubicate sulla copertura piana dell’immobile, che alimentano il circuito idronico di distribuzione asservito alla linea dei terminali di emissione dell’aria negli spazi comuni;

• impianto di ventilazione (ricambio di aria primaria): unità roof-top, integrate da sistemi termo-frigoriferi ad espansione diretta sul canale di mandata.

2.1.2 Consumi storici

I consumi energetici storici, desunti dalla media dei dati di fatturazione relativi alle ultime tre annualità, ammontano rispettivamente a circa 5 GWhe/anno (pari ad una spesa energetica complessiva di circa 650 k€/anno).

Il grafico seguente rappresenta l’andamento dei consumi elettrici mensili misurati al Point of Delivery (POD), ripartiti per cluster di aggregazione omogenei.

andamento-consumi-carrarini.jpg

Figura 1 – Andamento e ripartizione dei consumi elettrici mensili per cluster di aggregazione omogeni

All'interno dell'articolo integrale in pdf si afrontano i seguneti paragrafi

  • MODELLAZIONE DEI CONSUMI ENERGETICI
  • AZIONI DI MIGLIORAMENTO DELL’EFFICIENZA ENERGETICA E VALUTAZIONE DEI RISPARMI
  • CONSIDERAZIONI FINALI