Una riflessione sull’utilizzo consapevole del legno nelle zone umide – bagni, wellness, spa …

Il legno

bathroom-wood-floor-1.jpgIl parquet consente di realizzare pavimentazioni per abitare in modo sano e naturale preservando e migliorando la qualità abitativa dell’ambiente, sia esso domestico, sociale o lavorativo.
Il legame degli uomini con il legno è antico quanto la nostra civiltà, prima motivato da uno stato di necessità, poi maturato per scelta.
Il legno ha un grandissimo pregio di funzionare da regolatore naturale delle variazioni di umidità nel medio periodo, assorbendo o cedendo all’ambiente acqua, alla continua ricerca di un valore di equilibrio ideale.

Il legno unisce grandi prestazioni tecnico pratiche ad una forte capacità decorativa però anche il legno per durare una volta usato deve essere mantenuto.
Nel settore del parquet durante la presentazione dei pavimenti in legno si sente spesso parlare di trattamenti con alta protezione o di prodotti protettivi di alta qualità, questi termini però non danno nessuna indicazione ancor peggio nessuna certezza, della effettiva predisposizione del parquet a mantenere nel tempo le caratteristiche promesse.
Il consumatore finale deve essere messo in condizione, al momento dell’acquisto, di scegliere un parquet adatto all’uso e non solo per un fattore estetico, in modo che il parquet possa soddisfare anche le future condizioni di esercizio che il proprietario imporrà al parquet posato nella sua abitazione.

La protezione del legno

bathroom-wood-floor-350.jpg

Le finiture del parquet, sotto il profilo estetico, hanno raggiunto ottimi livelli, ma questa qualità deve essere migliorata in riguardo alla resistenza ai liquidi e alle sostanze chimiche comunemente utilizzate in un'abitazione.
Certe finiture accattivanti sotto il profilo estetico, sono da considerarsi inadatte per il parquet sotto il profilo di resistenza ai liquidi.

Non possiamo ignorare gli studi e le ricerche, che hanno messo in evidenza che la protezione dei manufatti in legno non può prescindere da due fattori: la natura chimica e caratteristiche prestazionali dello strato protettivo e lo spessore applicato.
A volte durante una verifica dello strato di finitura si trovano parquet con finiture con basso residuo secco spacciandole come finiture ecologiche.
Sarebbe auspicabile che nel mondo delle finiture per i parquet ci fosse una norma specifica, che ponesse dei valori minimi inerenti alle caratteristiche di resistenza alle sostanze liquide in modo che l’utilizzatore finale possa essere certo che il prodotto che utilizza abbia effettivamente le caratteristiche richieste.

www.rettondini.com