MUTUI VERDI in Italia: al via la sperimentazione

Green Building Council Italia 12/03/2018 1190

Il 9 marzo scorso a Milano si è tenuto il workshop per la presentazione del progetto EeMAP per l’implementazione dei “mutui verdi” organizzato da UniCredit, RICS Italia, GBC Italia e E.ON Italia, a cui hanno partecipatoi maggiori istituti bancari e del settore immobiliare del panorama europeo.
Eemap-gbg-0.JPG

Oggi nel mondo il settore dell’ambiente edificato è responsabile per oltre un terzo del consumo di energia e per circa il 33% delle emissioni di CO2 (fonte International Energy Agency – OCSE(1)). Si stima che l'UE dovrà investire circa € 100 miliardi all'anno in ristrutturazioni ed efficientamento energetico per raggiungere gli obiettivi ambientali che si è posta, ovvero ridurre, entro il 2030, le emissioni di gas serra di almeno il 40% rispetto ai livelli del 1990(2). Secondo la Commissione Europea, oltre ai fondi pubblici disponibili sarà indispensabile l’intervento anche da parte di istituzioni private, in primis dalle banche che erogano mutui ai cittadini. 

Cosa può fare il sistema bancario privato per contribuire al raggiungimento di questo obiettivo? L’European Mortgage Federation - European Covered Bond Council (EMF – ECBC) ha lanciato l’Energy efficient Mortgages Action Plan (EeMAP), l’iniziativa che coinvolge le principali banche europee per promuovere sul mercato i mutui per l’efficienza energetica. La finalità del progetto è creare un circolo virtuoso fra gli istituti di credito e i loro clienti che potranno accedere a prestiti agevolati per ristrutturare la loro abitazione o per acquistarne una a basso impatto ambientale. 

Gli investimenti nell’efficientamento energetico delle abitazioni possono aiutare a liberare liquidità per chi ci vive, abbassando le bollette e, soprattutto, riducendo la svalutazione del valore dell’immobile a lungo termine. Di conseguenza si riduce il rischio di credito, con un effetto win-win per finanziatori, investitori, clienti finali e clima. Una casa che, una volta ristrutturata, sale di classe energetica da “E” a “B”,può portare risparmi fino a 24mila euro nei successivi 30 anni(3). Da un punto di vista del prezzo, un aumento del rendimento energetico può corrispondere all’aggiunta di 10-15 m2 alla superficie della proprietà. 

In questo contesto, si è tenuto stamane a Milano presso la sede di UniCredit, il workshop ”Mutui verdi per edifici efficienti esicuri” organizzato da UniCredit, GBC Italia, RICS Italia e E.ON Italia. Istituzioni, rappresentanti del mercato bancario, amministrazioni pubbliche, assicurazioni, operatori energetici, valutatori immobiliari e imprese edili si sono confrontati sull’applicazione dell’Energy efficientMortgages Action Plan (EeMAP)al mercato italiano per il finanziamento dell’efficienza energetica e della sicurezza antisismica degli edifici, avviando la fase preliminare del progetto pilota italiano.

Soltanto grazie ad un approccio di sistema, coinvolgendo tutti gli attori del mercato ipotecario, è possibile sviluppare un’innovazione di filiera, tale da permettere vantaggi sostanziali sia per i consumatori sia per gli investitoti finanziari” – dichiara Luca Bertalot, Segretario Generale di EMF-ECBC – “La correlazione tra la performance energetica e la performance finanziaria è alla base per l’identificazione di fattori di de-risking che deve essere tradotto in termini di costo capitale per gli emittenti di mutui verdi”. 

RICS è attivamente impegnata a supportare il raggiungimento degli obiettivi dell’accordo COP23 e vede nella partecipazione al Consorzio EeMAP una straordinaria opportunità per giungere a soluzioni concrete su larga scala per i ‘mutui verdi’ attraverso il contributo sinergico di banche, istituzioni e di tutti gli attori della filiera” - dichiara Daniele Levi Formiggini, MRICS e Presidente di RICS Italia - “RICS ha definito all’interno delle linee guida EeMAP il protocollo di valutazione dell’immobile attraverso la stesura di una checklist di verifica dell’efficienza energetica, aspetto fondamentale per consentire alle banche di profilare i propri asset‘green’ e misurarne il profilo di rischio, e al mercato di riconoscere il valore aggiunto degli immobili ad alta efficienza energetica”.

La Rete Regionale Europea di World GBC è uno dei partner chiave dell’iniziativa EeMAP, la quale ambisce a colmare il deficit di 100 miliardi di euro di investimenti per l’efficienza energetica degli edifici necessari per raggiungere gli obiettivi climatici europei.

Sono stati pubblicati dai Green Building Council d’Europa una serie di report (tra cui anche quello italiano) che definiscono il contesto delle prestazioni energetiche degli edifici ed il mercato di riferimento in tutta Europa, insieme alle proposte per aiutare le banche e altri attori che intendono lanciare attività di piloting su questo schema a livello nazionale. GBC Italia è coinvolto nel progetto come principale stakeholder nazionale e contribuisce insieme ai suoi soci ed esperti, affianco di Unicredit e RICS, al coinvolgimento degli stakeholder del settore delle costruzioni all’implementazione dell’iniziativa EeMAP in Italia.

La riqualificazione dei nostri edifici rappresenta una occasione unica per rilanciare il settore dell’edilizia. Le competenze e le tecnologie edilizie ed impiantistiche per l’efficienza energetica non mancano, ma non sono sufficienti” –sostiene Giuliano Dall’ò, Presidente di GBC Italia – “Il mercato delle riqualificazioni è spesso frenato perché i privati cittadini hanno difficoltà a sostenere gli oneri economici, compromettendo così il raggiungimento degli obiettivi europei di riduzione delle emissioni. In questo contesto i ‘mutui verdi’ per la riqualificazione diventano strumenti utili per promuovere un’azione decisiva a supporto dell’efficienza energetica dell’intero patrimonio edilizio privato. Attraverso i mutui verdi i cittadini sarebbero in grado di concretizzare azioni di riqualificazione, beneficiando fin da subito dei vantaggi in termini di riduzione delle bollette energetiche, con un impegno economico del tutto gestibile”.

La ricerca condotta da E.ON dimostra che i consumatori italiani trovano molto interessante l'idea dei mutui verdi” - afferma Cristian Acquistapace, Chief Sales Officier di E.ON Italia - “Riteniamo che lo schema pilota EeMAP sia una valida piattaforma per sensibilizzare i proprietari degli edifici sulle opportunità di un miglioramento dell'efficienza energetica delle loro case, in linea con l’approccio strategico #odiamoGliSprechi di E.ON Italia”.

La creazione dei “mutui verdi” (Energy EfficientMortgage) ha lo scopo principale di coinvolgere il canale bancario nella diffusione di nuove costruzioni e di incentivare le ristrutturazioni immobiliari per il loro miglioramento energetico e antisismico inserendo la componente energetica degli edifici nei sistemi standard di valutazione del credito. Presupposto importante per le banche è che tale componente consenta di ridurre i parametri di rischio del mutuo in modo da allocare minor capitale.In tal modo, si introdurrebbero sul mercato mutui/finanziamenti “verdi” a particolari condizioni convenienti per il cliente come ad esempio un tasso più basso, LTV aumentato o anche un tasso variabile che scende progressivamente, man mano che avanzano i lavori di efficientamento. 

La partenza della fase pilota in Italia è prevista per giugno quando le banche italiane potranno implementare i propri “Energy EfficientMortgage” secondo le linee guida EeMAP(4), ora in fase ancora preliminare e a cui stanno lavorando tre comitati tecnici: Banche e FinanzaEfficienza Energetica; Valutazione.

(1) https://goo.gl/Ql3qSG

(2) https://goo.gl/xjmDMt

(3) https://goo.gl/YxkCK6

(4) https://goo.gl/bjrZUY


Green Building Council Italia (GBC Italia) è un’associazione senza scopo di lucro cui aderiscono le più competitive imprese e le più qualificate associazioni e comunità professionali italiane operanti nel segmento dell’edilizia sostenibile. GBC Italia fa parte del World GBC, una rete di GBC nazionali presenti in più di 70 paesi, che rappresenta la più grande organizzazione internazionale al mondo attiva per il mercato delle costruzioni sostenibili. GBC Italia promuove un processo di trasformazione del mercato edile italiano attraverso la promozione del sistema di certificazione indipendente LEED® – Leadership in Energy and Environmental Design – e dei propri protocolli di certificazione (i sistemi GBC) espressamente sviluppati per le specificità del mercato italiano, i cui parametri stabiliscono precisi criteri di progettazione e realizzazione di edifici salubri, energeticamente efficienti e a impatto ambientale contenuto.

RICS è una organizzazione professionale a livello globale che promuove e applica i più elevati standard e le massime qualifiche professionali per lo sviluppo e la gestione di terreni, immobili, costruzioni e infrastrutture.
Il nome di RICS è garanzia di implementazione coerente degli standard e di affidabilità a favore dei mercati che serviamo. Il lavoro dei suoiprofessionisti contribuisce a creare un mondo più sicuro: RICS è orgogliosa della propria reputazione e la difende con passione.
A proposito di RICS in Italia
In Italia, RICS conta oggi 485 membri effettivi, oltre ai membri tirocinanti e agli studenti iscritti al corso universitario post-laurea accreditato da RICS: Master “Real Estate Management” - Dip. ABC Politecnico di Milano. RICS è inoltre socio istituzionale di Assoimmobiliare. www.rics.org/italia

UniCredit è un solido Gruppo Pan-Europeo, con un modello di banca commerciale semplice e con unapiattaforma di Corporate &Investment Banking perfettamente integrata, che mette a disposizione dei suoi 25milioni di clienti una rete unica in Europa Occidentale e Centro Orientale. UniCredit offre competenze localinonché una rete internazionale unica, in grado di accompagnare e supportare la propria ampia base di clientela alivello globale attraverso banche leader in 14 Paesi e un network che si estende ad altri 18 Paesi in tutto ilmondo. Le banche del Gruppo UniCredit hanno posizioni di leadership in Italia, Germania, Austria, Bosnia edErzegovina, Bulgaria, Croazia, Repubblica Ceca, Romania, Russia, Serbia, Slovacchia, Slovenia, Ungheria eTurchia.