Ecobonus valido solo con perizia tecnica del professionista abilitato (ingegnere, architetto, geometra). La guida

Ecobonus: la scheda descrittiva dell'intervento di riqualificazione energetica, anche per una semplice sostituzione dei serramenti, va inviata all'ENEA e deve essere redatta e firmata da un tecnico abilitato

Serve una perizia tecnica qualificata, firmata da un professionista tecnico iscritto al proprio ordine professionale (ingegnere, architetto, geometra o altro perito) per certificare la correttezza dell'ecobonus 2018. La scheda descrittiva dell'intervento di riqualificazione energetica, fosse anche una semplice sostituzione dei serramenti, va inviata ad ENEA in tal modo.

SCARICA, IN ALLEGATO, LE GUIDE AGGIORNATE SULL'ECOBONUS 2018

E' proprio l'ENEA, ad aver realizzato un interessante vademecum (anzi, un dodecalogo) per usufruire dell'Ecobonus 2018 per la riqualificazione energetica degli edifici privati e condominiali. Come già segnalato ieri, il sito ufficiale per la trasmissione dei dati http://finanziaria2018.enea.it è attivo da ieri. E' possibile trasmettere i dati relativi agli interventi di efficienza energetica ammessi alle detrazioni e conclusi dopo il 31 dicembre 2017.

Tra le altre importanti indicazioni del vademecum, segnaliamo che:

  • l'immobile oggetto della riqualificazione energetica, alla data della richiesta della detrazione fiscale differenziata (dal 50% all'85%), deve essere "esistente", ossia accatastato o con richiesta di accatastamento in corso e dotato di impianto termico;
  • la scheda descrittiva dell'intervento, fosse anche la sostituzione dei serramenti, va inviata a Enea entro i 90 giorni successivi alla fine dei lavori (come da collaudo delle opere) esclusivamente attraverso l'apposito sito web http://finanziaria2018.enea.it.

Ecobonus: le date

L'agevolazione per la riqualificazione energetica del patrimonio edilizio esistente è stata istituita con legge 296/2006. La Legge di Bilancio 2018 ha prorogato le detrazioni in un range dal 50% al 65% fino al 31 dicembre 2018. E per gli interventi realizzati su parti comuni di edifici condominiali, nelle diverse misure del 65%, 70%, 75%, 80% e 85%, fino al 31 dicembre 2021.

Riqualificazione degli edifici: per quali lavori vale

Qualsiasi intervento o insieme sistematico di interventi, che incida sulla prestazione energetica dell'edificio, è qualificabile come riqualificazione energetica. Quindi, a titolo meramente esemplificativo ma non esaustivo, si ritengono agevolabili:

  • interventi di sostituzione di impianti di climatizzazione invernale;
  • impianti di cogenerazione, trigenerazione, allaccio alla rete di teleriscaldamento, collettori solari, ecc;
  • interventi di coibentazione o di sostituzione di finestre.

Per la riqualificazione globale dell'edificio è possibile detrarre il 65% delle spese totali sostenute, per un limite massimo ammissibile di 100.000 euro.

SCARICA LE GUIDE AGGIORNATE DELL'ENEA SULL'ECOBONUS 2018!