8^ Convegno Internazionale Tall Buildings - 19 giugno 2018

Tall Buildings 2018: le anticipazioni dell’ottava edizione

Redazione Ingenio 13/06/2018 2232

Dopo il successo delle passate edizioni si rinnova l’appuntamento con Tall Buildings, che si terrà il 19 giugno alla Torre Unicredit a Milano

norsa-viel-ferrari-tall-buildings.jpg
VAI ALLA VIDEO INTERVISTA con Prof. Aldo Norsa, Arch. Patricia Viel e Ing. Alberto Ferrari

Aldo Norsa, già professore all’Università IUAV di Venezia, ha anticipato i temi che saranno trattati durante l’ottava edizione del convegno internazionale promosso dal Council on Tall Buildings and Urban Habitat (CTBUH). L’incontro, che ospiterà progettisti italiani e internazionali, si occuperà di tematiche sia relative all’architettura degli edifici alti, sia strettamente più tecniche, come l’ingegneria delle facciate. Temi che sono stati toccati anche nel corso dell’intervista dall’architetto Patricia Viel (Antonio Citterio e Patricia Viel) e dall’ingegnere Alberto Ferrari (Faces Engineering) che hanno spiegato le sfide a cui oggi sono chiamati i progettisti nel rapportarsi con tutte le possibilità di innovazione che la filiera produttiva offre. 

tall-buildings-2018.JPG

«Lo scopo di questa ottava edizione - ha spiegato il professore Aldo Norsa, durante l’incontro ospitato dalla società J&A Consultants - è quello di mantenere alta l’attenzione sulla realizzazione di edifici alti, a partire dalla città di Milano che, sempre di più, rappresenta un caso studio di rilevanza internazionale. Inoltre avremo presentazioni di edifici alti nel mondo particolarmente innovativi e che incuriosiscono il pubblico italiano come, a esempio, quelli a Los Angeles, San Francisco, Tel Aviv, Londra, Mosca e Basilea. Nel dettaglio, affronteremo tematiche legate alle questioni del vento, della sicurezza, anche sismica, della certificazione della qualità, fino ad arrivare alla progettazione degli interni, uno dei temi vincenti sul mercato nel caso degli edifici alti. A conclusione delle due sessioni della giornata avremo esperti, architetti e ingegneri di grandi società internazionali che si relazioneranno con il know-how delle nostre società di project management e di progettazione».