Intervista a Marco Gaminara, Presidente Ordine di Savona - Accorpamento delle province

30/11/2012 2991

Intervista a:
Marco Gaminara
Presidente dell'Ordine della Provincia di Savona

 

 

 

 

 

 

 

Presidente, è favorevole al fatto che con l'accorpamento delle province si debbano accorpare anche gli Ordini?

Non sono contrario all’accorpamento degli Ordini – anche questo contribuirà a ridurre i costi degli iscritti (per esempio partecipazione ai Congressi – Commissioni – ecc). Tuttavia mi rendo conto che in alcune realtà come quella nostra (province Savona ed Imperia) ove la regione è stretta e lunga possa essere scomodo ad un Ingegnere di Ventimiglia raggiungere la sede che magari resterà a Savona. In questi casi proporrei di lasciare aperte le due sedi unificando ovviamente il Consiglio. Si evidenzia infatti che i costi per il mantenimento delle due sedi non sarebbe maggiore di quello attuale con le due province.

Ritiene che la gestione di un territorio più ampio, spesso con caratteristiche e tradizioni diverse, possa essere un problema per gli Ordini accorpati? In che modo si dovrebbero tutelare i diversi territori?

Purtroppo noi non siamo stati capaci ad essere italiani (figurarci europei) ma credo che ormai siamo ai punti che dovremmo impararlo per forza – Dobbiamo abbandonare le rivalità tra città e capire che dobbiamo lavorare tutti assieme per un fine comune – Questa ritengo sia un’occasione – Ovviamente non dobbiamo più sentire i ns. politici (tutti da destra a sinistra), che per salvaguardare i loro interessi, cavalcano situazioni di conflitto ponendo dubbi e fomentando i cittadini.

La costituzione di Ordini più grandi potrà diventare lo strumento per poter dare all'Ordine stesso più forza e capacità operativa? Quali potrebbero essere i nuovi servizi?

Certamente si – Per esempio si potrebbe ridurre i costi fornendo più servizi per quanto attiene l’aggiornamento professionale.

In caso di accorpamento dovrebbe essere rivisto anche il sistema di votazione del Consiglio Direttivo dell'Ordine stesso e del CNI?

Per rispondere a questa domanda bisognerebbe forse riflettere un momento: Se il nostro sistema funzionasse bene credo che non necessariamente si dovrebbe cambiare il sistema di votazione – Però, siccome il sistema è secondo il mio parere inverosimile, soprattutto per quanto riguarda il raggiungimento dei quorum nelle varie sessioni, potrebbe essere l’occasione buona per rivederlo.


 

 

Il Magazine

Sfoglia l'ultimo numero della rivista Ingenio

Newsletter Ingeio

Seguici su