Dichiarazione Ambientale di Prodotto: la norma ISO 21930

C2R 22/06/2018 947

La norma internazionale ISO 21930:2017Sustainability in buildings and civil engineering works”, relativa al calcolo delle performance sostenibili degli edifici, intende contribuire in modo significativo a ridurre gli impatti ambientali attribuibili al settore delle costruzioni e dell’ambiente costruito. 

La norma ha come tema centrale l’EPD (Dichiarazione Ambientale di Prodotto) con l’obiettivo di garantire uniformità e coerenza nella redazione delle dichiarazioni ambientali per i prodotti da costruzione e i servizi; in particolare la norma definisce le regole quadro per ogni categoria di prodotto (PCR – Product Category Rules), a partire dalle quali è possibile definire l’EPD dei prodotti da costruzione.

Tuttavia a livello europeo esiste la normativa EN 15804:2014, recepita da UNI come norma nazionale, nella quale sono stati anticipati alcuni contenuti della ISO 21930 ed è stata definita la struttura in grado di assicurare che tutte le Dichiarazioni Ambientali di Prodotto siano elaborate, verificate e comunicate secondo un formato armonizzato. 

L’EPD consiste in una dichiarazione trasparente dell’impatto del ciclo di vita di un prodotto da costruzione, dalla produzione delle materie prime, alla costruzione e operatività, dalla manutenzione allo smantellamento. Questa dichiarazione permette di ottenere i dati necessari alla valutazione dell’impatto ambientale di un intero edificio o di un’opera di ingegneria civile, presentando informazioni dettagliate e affidabili per un’analisi trasparente, indipendente e riproducibile degli impatti sull’ambiente dei prodotti da costruzione.