6/7 luglio 2018 – Etna: prevenzione e pianificazione: due giorni di formazione per i geologi

Il Presidente Fondazione Centro Studi CNG, Fabio Tortorici: il rischio vulcanico non è prevedibile, fondamentali i piani di emergenza, di sicurezza ed evacuazione

Il Centro Studi del Consiglio Nazionale dei Geologi organizza il convegno nazionale “Etna: prevenzione e pianificazione” che avrà luogo venerdì 6 luglio 2018 alle ore 15:30 dove interverranno, in una tavola rotonda, i sindaci dei comuni che amministrano le parti del territorio poste alle quote sommitali del vulcano e della Città Metropolitana di Catania che si occupa della viabilità provinciale della zona. Il giorno seguente, alle ore 09:00, è in programma la geo-escursione “Nicolosi: dalla porta dell’Etna alle quote sommitali del vulcano”, organizzata in collaborazione con la funivia dell’Etna e le guide del collegio regionale GAV Sicilia, con partenza dal Rifugio Sapienza (Nicolosi nord). Durante l’ascesa saranno focalizzati, insieme ai relatori del convegno, aspetti geologici e operativi del sistema di protezione civile, attualmente in vigore nel versante meridionale dell’Etna. Lo scopo dell’iniziativa è quello di proporre il tema della pianificazione di emergenza e in particolare la gestione del rischio vulcanico nell’area etnea.

“Non tutti i comuni alle falde dell’Etna sono dotati di evoluti e aggiornati piani di emergenza e protezione civile, motivo per cui si è voluto organizzare questo convegno con la partecipazione di tutti gli attori che concorrono allo studio, alle attività di previsione e prevenzione del rischio vulcanico sull’Etna”. È quanto dichiara il Presidente della Fondazione Centro Studi CNG, Fabio Tortorici che spiega: “Un Piano di Protezione Civile per essere efficace deve contenere una serie di informazioni sul territorio comunale da riportare su cartografie e database che certamente non possono prescindere dalla essenziale conoscenza geologica del territorio”. In che modo i geologi possono far conoscere i rischi vulcanici ai cittadini? “Nonostante l’area etnea sia a rischio vulcanico, la presenza del geologo nei comuni è marginale” risponde Tortorici - Erroneamente il rischio vulcanico è considerato ‘prevedibile’ poiché solitamente si verificano una serie di fenomeni precursori della risalita del magma (terremoti di bassa magnitudo, deformazioni morfologiche, variazione parametri geofisici e geochimici, ecc...), ma nella realtà la complessità delle incognite che regolano le eruzioni sono innumerevoli, complesse e di non sempre facile interpretazione”.

L’Etna è il vulcano attivo più alto d’Europa. Su quanto possa essere pericoloso, Tortorici afferma: “L’attività dell’Etna è caratterizzata da fenomeni stromboliani con emissione di ceneri e colate laviche. Le prime generalmente avvengono intorno alle bocche eruttive ad alta quota, dando luogo a nubi di cenere vulcanica che possono creare problemi al traffico aereo, all’agricoltura e alla viabilità. Invece, le colate basaltiche, dotate di un’alta viscosità e quindi di una bassa velocità di scorrimento, permettono e danno il tempo alla popolazione di mettersi al sicuro, fermo restando che, in funzione della loro ubicazione nel caso di aperture di bocche a bassa quota, potrebbero raggiungere i centri abitati in tempi brevi". Sulle misure di prevenzione della popolazione in caso di eruzione vulcanica, Tortorici propone una serie di interventi, tra cui: vietare la costruzione in zone ad elevato rischio vulcanico e diminuire l’occupazione dei residenti nelle aree già abitate; predisporre e aggiornare piani di emergenza e sicurezza oltre che piani di evacuazione; curare l’informazione e l’educazione della popolazione nelle aree a rischio. “Non si può prescindere - conclude il geologo - dagli studi geologici se ci si vuole difendere dai vulcani, essendo questi oltre che uno spettacolo, anche una forza spesso silente della natura”.

Scarica qui il programma

Il Magazine

Sfoglia l'ultimo numero della rivista Ingenio

Newsletter Ingeio

Seguici su