HeidelbergCement chiude il trimestre con +4% a livello globale

Redazione INCONCRETO 13/08/2018 1035

Le entrate del gruppo di HeidelbergCement sono aumentate del 4% nel secondo trimestre a € 4,8 miliardi ($ 5,6 miliardi).

Effetti valutari negativi di 226 milioni di euro (264 milioni di dollari) hanno avuto un impatto negativo sulle entrate. Con i dati adeguati per gli effetti di valuta e consolidamento, le entrate sono aumentate del 9%, grazie alla crescita del volume delle vendite in tutte le linee di business e degli aumenti dei prezzi.

Anche gli effetti valutari negativi hanno influito sull'utile operativo: il risultato delle operazioni correnti prima del deprezzamento e degli ammortamenti è diminuito del 3% a 936 milioni di euro (1,09 miliardi di dollari); dopo ammortamenti e svalutazioni, il risultato della gestione corrente è sceso a 663 milioni di euro (774 milioni di dollari). Rettificato per gli effetti di valuta e di consolidamento, il risultato delle operazioni correnti prima e dopo l'ammortamento è aumentato rispettivamente del 3% e del 5%. Un livello di costo dell'energia relativamente più basso nello stesso trimestre dell'anno precedente e ulteriori aumenti dei prezzi del carbone e del petrolio nell'anno in corso hanno rallentato la crescita degli utili.

"Il solido sviluppo dei risultati nel secondo trimestre indica un'inversione di tendenza positiva dopo un inizio difficile dell'anno legato alle condizioni meteorologiche", ha affermato il Dr. Bernd Scheifele, presidente del consiglio di amministrazione. "La crescita dei ricavi e dei volumi di vendita in tutte le linee di business riflette le forti dinamiche del mercato. Tutto sommato, potremmo migliorare significativamente il profitto anche nel secondo trimestre. Il forte sviluppo operativo, i minori oneri di ristrutturazione e un'ulteriore riduzione dei costi di finanziamento hanno più che compensato l'aumento dell'inflazione dei costi e gli effetti negativi dei tassi di cambio. Prevediamo che lo sviluppo del business migliorerà ulteriormente nella seconda metà dell'anno e confermeremo le nostre previsioni per il 2018. "

Nel secondo trimestre, i volumi di vendita di cemento e clinker sono aumentati del 3% a 33,7 milioni di tonnellate (anno precedente: 32,6 milioni). Rettificato per la cessione del business del cemento bianco negli Stati Uniti, il deconsolidamento della Georgia e l'acquisizione di Cementir Italia, il tasso di crescita è stato del 4% e tutte le aree del gruppo hanno contribuito a tale aumento.

Fonte: cementamericas.com