Le “costruzioni in altezza” a struttura lignea

La novità degli edifici multipiano realizzati con il legno strutturale

La crisi e la nuova tendenza delle costruzioni in altezza
La crisi economica attuale, che continua a deprimere fortemente il mondo dell’edilizia nel suo insieme, in alcuni casi, limitatamente a particolari sistemi costruttivi, può avere effetti stimolanti.
È quanto sta accadendo alle costruzioni con struttura di legno classificate come “alte”, cioè quegli edifici civili (per abitazione e uffici) con altezze superiori a quattro piani che sempre più vanno diffondendosi nelle nostre città. Queste tipologie, pur annoverando ad oggi un modesto numero di realizzazioni, intravedono notevoli possibilità di sviluppo. La ragione, almeno in parte, risiede nella necessità, in tempi di crisi, di differenziare fortemente l’offerta, rendendola innovativa e capace di attrarre acquirenti anche in un contesto di domanda complessivamente debole.
I sistemi costruttivi a struttura lignea per edifici di quattro o più piani fuori terra costituiscono senza dubbio un approccio nuovo, sostenibile, competitivo e pertanto rispondente in maniera ottimale alle esigenze degli investitori privati che intendono porsi sul mercato con un’offerta qualificata e differenziata.
A questo si aggiunge il forte interesse che il settore pubblico, sempre più sensibile agli aspetti energetici ed ambientali, sta dimostrando nei confronti delle soluzioni prefabbricate a struttura lignea. L’utilizzo nei nuovi interventi di edilizia residenziale e di social housing si va affermando nel Paese, specie a partire dalle regioni del nord.
Il legno lamellare (glulam) ed i pannelli di legno a strati incrociati (X-lam o CLT) sono, come materiali strutturali, i protagonisti principali di questa recente piccola rivoluzione nel mondo delle costruzioni.
 


Il Magazine

Sfoglia l'ultimo numero della rivista Ingenio

Newsletter Ingeio

Seguici su