Torre Libeskind, Holcim: entro fine anno sarà terminata la parte strutturale

Chiara Samorì - Collaboratrice INGENIO 14/11/2018 2512

A CityLife proseguono velocemente i lavori della torre Libeskind realizzata in calcestruzzo Holcim. Dal 2020 diventerà la sede milanese di Pwc Italy.

Un solaio ogni cinque giorni: la costruzione del terzo grattacielo del progetto CityLife procede spedita ed è arrivata al 19° piano. Ne mancano solo nove al completamento della torre denominata «il Curvo». Anche a livello dell’atrio è già iniziato il lavoro di assemblaggio degli elementi vetrati di facciata, cellule in vetro e alluminio pre verniciato.

torre-libeskind-01.jpg

«Usiamo materiali ad alto livello tecnologico - ha spiegato Calogero Santamaria, amministratore delegato di Holcim Aggregati Calcestruzzi in occasione della visita in cantiere riservata ai giornalisti - siamo partiti con la fondazione esagonale realizzata in getto continuo in sole 30 ore con 6000 metri cubi di calcestruzzo a basso calore di idratazione in C 32/40 e i due piani di parcheggi sotterranei, poi abbiamo continuato con calcestruzzi ad alta resistenza realizzando un mix ad hoc per il cliente».

>>> QUI il LINK la video intervista realizzata in cantiere a Calogero Santamaria

Per completare l’imponente struttura, Holcim Aggregati Calcestruzzi, appartenente al 100% ad Holcim (Italia), fornirà complessivamente 70 mila metri cubi di calcestruzzo.

Fondazione, pilastri, solai e nucleo in calcestruzzo Holcim 

La «ricetta» del calcestruzzo è creata in funzione della stagione e delle temperature ambientali, così come al salire della torre, cambia la classe di resistenza (C 32/40 dei solai, C 45/55 e 60 dei pilastri e dei nuclei). Per quanto riguarda la fondazione invece, il prodotto è stato appositamente studiato e realizzato per contrastare il rischio di fessurazione. Per questo il mix design ha previsto l’utilizzo di cemento pozzolanico 32.5R IV/A che permette di tenere sotto controllo il calore d’idratazione.

«In particolare, Holcim Aggregati Calcestruzzi sta fornendo calcestruzzi che sono studiati per essere pompati ad alta quota e per sviluppare una resistenza elevata alle brevi stagionature per anticipare il disarmo» ha detto Santamaria. L’ingegnere ha inoltre sottolineato l’efficacia del calcestruzzo per costruire edifici alti. «In primo luogo per motivi di resistenza al fuoco e quindi sicurezza e poi la tecnologia del prodotto oggi può raggiungere resistenze a compressione elevatissime, ad esempio il nostro C85 che permette di snellire le strutture portanti. Infine, oltre alla flessibilità, il calcestruzzo garantisce prestazioni architettoniche, come si può notare in alcuni pilastri che saranno lasciati a vista».

torre-libeskind-03.jpg

La scelta del fornitore 

«La scelta del fornitore di calcestruzzo è molto importante e fa la differenza» ha commentato l’ingegnere Marco Cruciani, Project Manager per CMB, che ha anche sottolineato i benefici derivanti dall’usare tecnolgie e metodologie innovative come il BIM (Building Information Modeling). «Abbiamo iniziato in cantieri pilota più di dieci anni fa - ha concluso - e oggi lo applichiamo a tutto tondo, fino ad arrivare alla manutenzione dell’edificio, inoltre, in cantieri come questi, il coordinamento è talmente alto che l’uso del Bim porta a non commettere errori perché tutto è coordinato, fatto su un modello unico, per cui non si sprecano ore e materiali».

>>> QUI il LINK alla video intervista realizzata in cantiere a Marco Cruciani


Torre Libeskind, la visita in cantiere. Holcim: entro il 2018 sarà terminata la parte strutturale

>>> QUI il LINK alla video intervista a Calogero Santamaria, amministratore delegato di Holcim Aggregati Calcestruzzi

Calogero Santamaria, amministratore delegato di Holcim Aggregati Calcestruzzi, fa il punto della situazione sull'avanzamento dei lavori della torre Libeskind, il terzo grattacielo del progetto CityLife. La Group Company italiana di LafargeHolcim Ltd, azienda leader nel cemento, aggregati e calcestruzzo, in totale fornirà tra i 70mila e gli 80mila metri cubi di calcestruzzo.


CMB: l'uso del BIM per la costruzione della Torre Libeskind

>>> QUI il LINK alla video intervista a Marco Cruciani, Project Manager per CBM

Marco Cruciani, project Manager per CMB spiega l'importanza che ricopre la scelta di un buon fornitore di calcestruzzo, evidenziando anche i vantaggi derivanti dall'uso di tecnologie e metodologie innovative come il BIM.


Giuliani (Redesco): il rapporto tra progettista e fornitore è costante e fondamentale

>>> QUI il LINK alla video intervista a Mauro Eugenio Giuliani, Direttore Tecnico Redesco Progetti