Schemi di finanziamento per gli interventi di efficienza energetica: dal PPP agli EPC

16/11/2018 3310

classe-energetica

Negli ultimi anni l’efficientamento energetico degli edifici è stato un argomento importante a livello europeo, capace di generare vantaggi in ambito economico, sociale e ambientale. In Europa sono state sviluppate varie direttive, tra cui l’EPBD e l’Energy Efficiency Directive, al fine di portare negli stati membri una legislazione volta al miglioramento delle performance energetiche degli edifici. Tuttavia, spesso il risparmio energetico prevede interventi con tempi di ritorno piuttosto lunghi.

Per accelerare il processo di efficientamento energetico sono stati sviluppati degli schemi di finanziamento: PPP (Public-Private Partnership), EPC (Energy Performance Contracting), CF (Crowfunding) ecc.

Public-Private Partnership (PPP)

Il partenariato pubblico-privato (PPP) consiste in un contratto a lungo termine tra un’autorità pubblica e un privato per la creazione di un bene o servizio. In un PPP gli obiettivi sono condivisi tra le parti coinvolte, così come i rischi. In molti paesi membri il principale ostacolo all’utilizzo dei PPP sembra essere la mancanza di un quadro giuridico e istituzionale adeguato anche se il partenariato pubblico-privato ha dato risultati interessanti in paesi con una certa esperienza come Francia, Regno Unito, Italia, Germania, Grecia e Irlanda.

Energy Performance Contracting (EPC)

Gli EPC sono contratti a garanzia di risultato utilizzati principalmente dalle società di servizi energetici (ESCO), che offrono diversi servizi, come il finanziamento degli interventi e la garanzia del risparmio energetico. La remunerazione delle ESCO dipende dai risparmi energetici ottenuti. La ESCO rimane coinvolta nel monitoraggio dei processi fino alla scadenza del contratto. ESCO e EPC sono presenti principalmente in ambito pubblico e, in parte, nei settori industriale e commerciale. Per chiarire in maniera specifica come funzionano gli Energy Performance Contract è stata pubblicata una guida. La guida aiuta le parti in gioco (pubbliche e private) ad avere una visione più ampia sull’argomento in modo da facilitare gli investimenti.

L’Energy Efficiency Directive incoraggia le amministrazioni pubbliche, anche a livello regionale e locale, ad utilizzare gli EPC per intraprendere la strada dell’efficientamento energetico.

Crowdfunding (CF)

Si tratta di un approccio, completamente diverso dai tradizionali processi finanziari, basato su piccoli contributi monetari da parte di un largo numero di persone. Il crowdfunding si basa su una rete di investitori persuasi, attraverso canali multimediali, a finanziare un progetto senza particolari garanzie. Ad oggi questo sistema è stato usato per finanziare idee nei campi più disparati: dall’arte alla ricerca scientifica e medica e, nell’ultimo periodo, anche in ambito di efficienza energetica. Questo meccanismo si basa sull’interazione di tre attori: il fondatore, che sviluppa il progetto, gli investitori, che lo finanziano tramite donazioni, e una piattaforma web.

Esistono diverse tipologie di finanziamento collettivo:

  • Donation based: gli investitori non sono motivati dal profitto, ma effettuano la donazione per sostenere un particolare progetto;
  • Reward based: l’imprenditore offre una ricompensa agli investitori prima che il progetto venga sviluppato;
  • Equity crowdfunding: investimenti, a favore di start-up o piccole compagnie, in cui l’investitore si fa carico dei rischi del progetto;
  • Crowdlending: simile ad un prestito bancario in cui, però, i finanziamenti provengono da un ampio gruppo di persone. In questo caso la piattaforma risulta fondamentale al fine di garantire e facilitare il recupero del credito da parte degli investitori 

Finanziamenti per l’Efficienza Energetica (EEM)

Si tratta di prestiti rilasciati per interventi di efficienza energetica su edifici nuovi o esistenti. L’EMF-ECBC (European Covered Bond Council) sta lavorando su un meccanismo standard di incentivazione a livello europeo al fine di aumentare il livello di efficienza energetica degli edifici nei vari stati europei. 

A questo proposito, è nata l’Energy Efficiency Mortgages Initiative, che consiste in due progetti paralleli: l’Energy Efficient Mortgages Action Plan (EeMAP) e l’Energy efficiency Dta Portal & Protocol (EeDaPP). Entrambi i progetti sono legati al programma Horizon 2020 e sono frutto di una collaborazione tra banche, istituti di credito, industrie e istituti fornitori di dati.


Tratto da http://buildup.eu/en/news/financing-schemes-key-successful-energy-efficiency-projects


Il Magazine

Sfoglia l'ultimo numero della rivista Ingenio

Newsletter Ingeio

Seguici su