Edilizia scolastica - programmazione 2018-2020: firmato protocollo MIUR con BEI, CEB, CDP. Verso lo sblocco

Il Ministro Bussetti, d’intesa con il MEF, ha firmato il protocollo per la programmazione 2018-2020 degli interventi di edilizia scolastica con BEI, CEB, CDP. In arrivo il DM che autorizza le Regioni a stipulare i mutui. Entro l’anno bando da 30 milioni per la progettazione dei comuni

scuola-10.jpg

Si va verso il decreto autorizzativo per lo sblocco dei mutui da totali 30 milioni per l'edilizia scolastica italiana: tutto ciò proprio nella giornata dedicata alla sicurezza scolastica, quando è stata formalizzata una prima importante intesa preliminare con la sottoscrizione di un protocollo d’intesa tra enti finanziatori - Banca europea degli investimenti (Bei) e Banca di sviluppo del Consiglio d’Europa (Ceb) - lo Stato italiano che chiede i fondi, attraverso i ministero dell’Istruzione, cui si è aggiunto in questa occasione anche il ministero dell’Economia, come garante - e, infine, la Cassa depositi e prestiti, come operatore di collegamento tra le banche finanziatrici e le amministrazioni locali destinatarie finali delle risorse.

Il Protocollo dà il via libera alla programmazione triennale per gli interventi 2018-2020, per un totale di 1,7 miliardi sbloccati. Il coinvolgimento del MEF, in particolare, consentirà la velocizzazione delle procedure di spesa. “Fare sistema è fondamentale per raggiungere obiettivi importanti come quello della sicurezza delle nostre scuole e dei nostri ragazzi. Il Protocollo che abbiamo firmato va proprio in questa direzione”, ha aggiunto il Ministro Bussetti.

La Manovra 2019 stanzierà altre risorse, a valere sul maxi-fondo della presidenza del Consiglio, che saranno poi effettivamente assegnati con un successivo DPCM e che consentiranno, sempre stanziamenti annuali a lungo termine, di attivare il meccanismo dei mutui Bei.

Somme utilizzabili e bando per i progetti

La settimana prossima il Miur conta di inviare al MEF, per la firma, il decreto interministeriale che autorizza le Regioni alla stipula dei mutui sulla base dell’effettiva somma netta utilizzabile sulla provvista Bei. Poi si passa al finanziamento dei progetti. Complessivamente la programmazione proposta dalle regioni e approvata dal Miur vale 10 miliardi. La provvista Bei-Ceb di 1,55 miliardi rappresenta la prima tranche per attuarla.

Attenzione però: come già sottolineato nell'articolo di presentazione della programmazione 2018-2020, il finanziamento degli interventi è condizionato alla disponibilità di un progetto esecutivo: per aiutare gli enti ad accelerare la fase del progetto il Miur sta per mettere a disposizione circa 30-35 milioni attraverso un bando che dovrebbe uscire tra la fine di quest’anno e l’inizio dell’anno prossimo.

Edilizia scolastica 2018-2020: il decreto di riferimento

Antefatto: con il decreto ministeriale 615-2018 dello scorso 12 settembre, pubblicato dal MIUR sul suo sito lo scorso 5 novembre 2018, è stata approvata la Programmazione Unica Nazionale 2018-2020 in materia di edilizia scolastica, nella quale confluiscono i piani regionali allegati, per farne parte integrante, allo stesso decreto.

Tenendo conto del contributo netto che si potrà conoscere una volta contrattato il costo del mutuo decennale, sulla base delle risorse assegnate, le Regioni trasmetteranno al Ministero la graduatoria dei progetti effettivamente finanziati per l’annualità 2018, che confluiranno nel piano nazionale relativo a tale annualità che verrà successivamente approvato con decreto interministeriale MIUR-MEF con cui sarà autorizzato l’effettivo utilizzo delle risorse.
 
Non appena pubblicato il decreto MIUR-MEF gli enti locali, beneficiari dei finanziamenti per annualità 2018 potranno avviare le procedure di gara e affidare i lavori.
 
IL TESTO DEL DECRETO E LA RIPARTIZIONE PER OGNI SINGOLO ENTE SONO DISPONIBILI NEI FILE ALLEGATI