Libere professioniste: i chiarimenti sull'idennità di maternità al rientro dal lavoro all'estero

Matteo Peppucci - Collaboratore INGENIO 13/12/2018 991

Il Ministero del Lavoro ha risposto al CNI sulla base di calcolo del reddito della libera professionista ai fini della determinazione dell’indennità di maternità spettante alla stessa, relativamente all’ipotesi in cui essa rientri in Italia dopo aver svolto continuativamente un’attività lavorativa o aver conseguito un titolo di studio all’estero

Libere professioniste mamme: chiarimenti sull'indennità di maternità

L'art.70, comma 2, del d.lgs. 151/2001 riguarda la base di calcolo del reddito della libera professionista per determinare l'indennità di maternità in caso di rientro in Italia dall'estero.

In merito, in risposta ad un'istanza presentata dal Consiglio Nazionale degli Ingegneri, il Ministero del Lavoro ha ricordato che il predetto articolo individua tale indennità nella misura “[…] pari all’ottanta per cento di cinque dodicesimi del solo reddito professionale percepito e denunciato ai fini fiscali come reddito da lavoro autonomo della libera professionista nel secondo anno precedente a quello dell’evento”.

Reddito professionale: cosa si intende?

Con la locuzione “reddito professionale” si intende l’intero reddito professionale percepito dalla libera professionista, oppure, in relazione al caso specifico, ci si deve riferire a tale reddito ma in termini ridotti, ai sensi, rispettivamente, della legge 30 dicembre 2010, n. 238, e dell’articolo 16 del decreto legislativo14 settembre 2015, n. 147, entrambi recanti incentivi fiscali - comportanti una riduzione della base imponibile ai fini dell’imposta sul reddito delle persone fisiche - per i lavoratori dipendenti od autonomi, cittadini dell’Unione europea, che rientrino in Italia dall’estero?

Indennità di maternità: i chiarimenti ministeriali

Una professionista madre, che abbia i requisiti per accedere agli incentivi fiscali previsti dalle citate disposizioni, continua ad aver diritto alla parametrazione dell’indennità di maternità al “reddito pieno” percepito prima dell’inizio del periodo di cui all’articolo 70, comma 1, del decreto legislativo n. 151, proprio al fine di realizzare le tutele individuate dal legislatore nei confronti delle lavoratrici madri. 

Il Ministero del Lavoro, inoltre, evidenzia che tale reddito, effettivamente “percepito e denunciato” come previsto dal comma 2 del medesimo articolo 70, continua a costituire, peraltro, la base imponibile per il versamento dei contributi di previdenza obbligatoria, posto che la legge 30 dicembre 2010, n. 238, nonché il decreto legislativo 14 settembre 2015, n. 147, dispongono esclusivamente benefici fiscali.

Diversamente, ove si considerasse quale base imponibile ai fini previdenziali il reddito “abbattuto” ai fini fiscali, la professionista che goda dei suddetti incentivi verrebbe a maturare, in corrispondenza, prestazioni pensionistiche proporzionalmente ridotte, senza in definitiva fruire di alcun beneficio.

L'INTERPELLO INTEGRALE E' DISPONIBILE IN FORMATO PDF